Menu Chiudi

Quasimodo nerazzurro… ed è subito complotto

Il criterio ermetico alla base della poesia di Quasimodo potrebbe tranquillamente essere applicato, con molta meno eleganza, all’Inter di Moratti. Cambiandone il finale:

Advertisment

Ognuno sta solo sul cuor della terra

trafitto da un raggio di sole:

ed è subito COMPLOTTO

Advertisment

In un pomeriggio che prevedeva un’imbarcata di reti per la società nerazzurra, frutto di un superCagliari che ha messo sotto più e più volte l’avversario, arrivano dichiarazioni imbecilli da parte del patron nerazzurro. Dichiarazioni già sentite, dichiarazioni che servono solo ad allontanare le risposte più ovvie: questa squadra viene messa sotto sistematicamente dall’avversario, subisce una serie infinita di tiri, riceve favori come segnala Panorama (redazione da sempre molto vicina alle sorti della Juve) e si lamenta. Si lamenta ancora nonostante la protezione totale del Palazzo, nonostante Farsopoli, nonostante Scommessopoli che non ha torto ancora un capello ai nerazzurri.

Si vergogni Stramaccioni, si vergogni Moratti, proprio nella domenica in cui la Juve ha dimostrato ancora una volta una superiorità netta, sul campo e fuori: noi guardiamo ai nostri errori, gli altri si aggrappano ai complotti. Spiegateci solo chi fra Marotta e Paratici è il nuovo cupolaro, e da chi sarebbe composta la cupola oggi.

Noi sottolineiamo solo che alla Juve tutto è cambiato, che il sistema invece non è cambiato affatto: che Moratti è ancora lì, che gli amici di Moratti sono ancora tutti lì.

Attendiamo comunque la conferenza di Cassano: a ciascuno il suo comunicatore.

Advertisment