Menu Chiudi

Radiazione: Moggi contro FIGC? Uno fisso

Dover ancora spiegare perché la radiazione di Moggi è una farsa… è davvero antipatico, alla luce di quanto accaduto a Napoli e di quanto accaduto, ahinoi!, nel calcio pulito di Moratti, Abete e compagnia cantante.

Advertisment

E’ talmente antipatico che all’avvocato Prioreschi saltano giustamente i nervi. E, badate bene, non uno che abbia ammonito il legale di Moggi: chiaro segno di una presa di coscienza di chi è in aula a seguire i vari atti di questa commedia che non fa più ridere.

Saltano i nervi a Prioreschi, mentre Moggi, sotto sotto, se la sta ridendo. Parere del tutto personale, una mia sensazione: il Direttore sta preparando attacchi verticali a FIGC, Moratti e a quanti nel 2006 avevano deciso di scorticarlo vivo. Il tempo è galantuomo…

Advertisment

Tre ore e mezza di noia assoluta, con monologhi che ormai conosciamo a memoria. Ora tocca all’Alta Corte di Giustizia del CONI fare chiarezza. Ma si tratta davvero di chiarezza o di pulizia?

C’è, infine, chi spera che fra una settimana – perché in Italia si prende sempre tempo, quando le cose sono brutte, quando sotto c’è qualcosa di marcio, si prende sempre tempo, si rinvia sperando che la decisione finale non debba mai arrivare – l’Alta Corte combini un pasticcio. A quel punto il divertimento avrà inizio ed è lo stesso Prioreschi a confermarlo:

E’ una truffa, come dovremmo difenderci? A questo punto siamo pronti ad andare sino alla Corte di Giustizia di Strasburgo. Questa storia non finirà qua.

E io, grazie a questo italiano che di professione fa l’avvocato, comincio a sentirmi un italiano contento. Poco, molto poco, ma un po’ più contento che in questi ultimi 10 anni.

Advertisment