Menu Chiudi

Ripartire con più ferocia: schiaffi necessari?

Tre sconfitte fanno rumore. Soprattutto nella Juve di Conte. Addirittura tre sconfitte nel giro di poche settimane. Stanchezza, superficialità? Non stiamo certo qui a fare un processo alla Juve, ma vogliamo anche capire i motivi di certe partite così ridicolmente buttate.

Advertisment

Ricordo ancora quella coi nerazzurri e la farsa contro il Milan, ora ci aggiungo quella contro la Sampdoria e non vorrei ricorrere al famoso detto “tre indizi fanno una prova”. Questa squadra si è forse montata la testa? Pecca di arroganza volendo permettersi il lusso di vincere senza sudare?

Di sicuro chi la pensa in quest’ultimo modo eccede in critica, ma alle volte, come dice bene Buffon, serve prendere qualche forte schiaffo per svegliarsi e ricominciare a correre. Nel caso della Juve appare superfluo sottolineare come questa squadra sia in grado di stravincere contro tutto purché l’impegno e l’attenzione non vengano meno.

Advertisment

Pogba sottotono, Pirlo benino quindi normale, Marchisio acciaccato e comunque non eccelso, De Ceglie inadatto, Padoin ottimo (ma in questo caso si tratta veramente della conferma di una prova bianconera davvero di bassissima qualità), attacco spuntato al di là di Giovinco che continuo a difendere. In fondo l’iniziativa è sempre partita dal suo piede o da qualche lancio di Bonucci o da qualche giocata di Padoin. Poi il nulla e allora non va bene.

Siamo già alla vigilia di una partita da dentro o fuori e non possiamo permetterci altri passi falsi. Tre sconfitte già mi bruciano parecchio, soprattutto non vorrei più commentare sfide perse per così ampio demerito. Non vorrei più rimanere infuriato con la mia squadra del cuore per una prova così becera e inconcepibile. Il mordente, la voglia di lottare e di correre, il sacrificio e l’umiltà sono valori che ho sempre apprezzato in tutte le Juventus che ho goduto sino a qui, perfino quella di Deschamps e di Ranieri e di Del Neri.

Abbiamo la possibilità di scrivere meravigliose pagine di storia con un gruppo eccezionale e un tecnico dalle doti cristalline. E allora ripartiamo, con più ferocia e convinzione di prima. Già da mercoledì sera.

Advertisment