Menu Chiudi

Sacchi mi fa veramente arrabbiare: le sue parole sono solo “funzionali”…

Purtroppo non capisco e non capirò mai perché in questo Paese “chi sa fa, chi non sa insegna”. E quindi non posso capire il ruolo di maestro assegnato a Sacchi.

Advertisment

Passi che a fine anni ’80, sotto l’egida del primo-Berlusconi, con una vagonata di miliardi (all’epoca si chiamavano così) costruì un immenso Milan. Passi che con quella squadra non c’era assolutamente bisogno di creare tattiche o allenarsi il pomeriggio: bastava lanciare il dado, buttare i giocatori in campo e avrebbero vinto comunque.

Il suo ruolo in TV non mi va comunque giù: troppo di parte, troppo schierato, troppo prevedibili le sue analisi, fra l’altro ripetitive, sempre uguali, senza alcuna novità, quasi per nulla coerenti con quanto mostrato dalle immagini.

Per lui il Milan è il Milan sempre: anche quando fa incetta di ex-campioni e rimedia sonore sberle in campionato. Oppure il Milan è sempre il Milan anche quando non ha di fronte avversari: tipo lo scorso anno.

Advertisment

E francamente non capisco, ed è questo che mi ha fatto arrabbiare, la frase: “Milan e Juve è campioni contro collettivo”.

Chiedo scusa, ma vorrei un parere:

  1. Buffon vale meno di Abbiati?
  2. Lichtsteiner vale meno di Abate?
  3. Chiellini vale meno di Taiwo?
  4. questo Barzagli vale meno di Yepes o Bonera, o Yepes e Bonera messi insieme?
  5. certamente Thiago Silva vale molto di più di Bonucci!
  6. Vidal vale meno di Ambrosini?
  7. Vam Bommel è davvero più forte di Pirlo?
  8. Nocerino è superiore a Marchisio?
  9. il Pato di questi anni è davvero più forte di Vucinic?
  10. certamente Ibra è più forte di Matri;
  11. e se permettete Pepe vale molto di più di El Shaarawi ed Emanuelson messi insieme.

Non capirò mai queste disequazioni. E non credo nemmeno di essere di parte.

Buon Natale a Sacchi comunque: “straordinerio” come sempre!

Advertisment