Anche Higuain non sarebbe male. Ciò significherebbe la promozione di Matri a prima punta, oltretutto El Pipita potrebbe tranquillamente giocare largo, quindi come terzo attaccante nella linea offensiva a 4 di Antonio Conte. Età a suo favore.

Advertisment

Le carte vengono rimescolate ogni giorno, ma la filosofia della Juventus non sembra cambiare: un grande campione arriverà. Si tratta solo di capire qua­le. Al fixing di ieri scende Agüero, dopo il pericolosis­simo inserimento del Real Madrid e del Chelsea, sale leggermente Tevez, con i cui agenti la Juventus ha trova­to l’accordo e la cui trattativa non vede concorrenti ag­guerriti all’orizzonte, resta­no stabili i bomber del Ma­drid ( Benzema e Higuain) che potrebbero rivelarsi oc­casioni nel caso il Real pren­desse Agüero e ne dovesse dismettere uno. E occhio agli esterni: Nani e Ribery, due nomi che dopo la riunione tecnica con Antonio Conte prevista per la prossima set­timana potrebbero prendere improvvisamente quota.

Advertisment

[Via Tuttosport]

Longari è convinto dell’affare:

Più che Benzema, però, che comunque resta sotto la lente d’ingrandimento di Marotta, il prescelto sarebbe Gonzalo Higuain, che meglio si sposerebbe per caratteristiche con l’attaccante di manovra richiesto da Antonio Conte. Arrivare al Pipita sembra un impresa impossibile, ma giocando le giuste carte, anche il sogno più recondito può riuscire a diventare reale. La Juventus, con le sue, sta provando a fare la migliore mano possibile.

Advertisment