Menu Chiudi

Se restasse Vidal…

Un piccolo dubbio, una domanda, un pensiero poco stupendo: ma se restasse Vidal?

Advertisment

Un punto interrogativo che apre infiniti punti esclamativi. Su Conte. Su Marotta. Sulla Juve in generale. Sui tifosi.

Ma se restasse Vidal, perché Conte se ne sarebbe allora andato?

Antonio sei stato il nostro condottiero. Rimarrai nella storia con tutti gli obiettivi raggiunti, ma fin qui hai un torto marcio: vorremmo pure noi Messi e Di Maria, ma questa è la Juve, impossibilitata a pareggiare le condizioni economiche di Real o Barca o Bayern o PSG. Ma davvero i soldi di Real, Barca o Bayern o PSG valgono la Juve? La tua Juve?

Torniamo al presente.

Advertisment

Se restasse Vidal, allora la rosa nelle mani di Max Allegri sarebbe interessante. Via le seconde linee non convincenti, dentro alcuni rinforzi interessanti. Quel Pereyra che a centrocampo potrà mettere in difficoltà l’allenatore e certamente darà un cambio di lusso al titolare stanco o squalificato, di volta in volta. Quel Romulo che a destra dovrebbe migliorare le performance fin qui esercitate da Isla. Quell’Evra che è certamente più di un rimpiazzo. Quel Morata che ci dispiace tanto non vederlo all’opera sin da subito.

Se restasse Vidal, addio tesoretto, ma quanto ci serve quel cileno. Guerriero vero, leader in campo, calciatore dalle doti pazzesche. Segna come un attaccante, difende e morde come il miglior Davids. Perno indiscusso di un equilibrio tattico da trovare attorno al 3-5-2 o al 4-3-3.

Se restasse Vidal, Marotta avrebbe chiuso un’altra tornata di calciomercato succulenta. In attesa di vedere in cattività i vari Morata, Pereyra, Evra, Romulo, e avendo blindato Pogba e Vidal. Una Juve in crescendo, di anno in anno.

Manca poco. Poco più di tre settimane e si ricomincia.

Perché gli uomini passano, ma la Juve resta.

Advertisment