Solo tre semplici domande per Mister Allegri, posto che la falsa partenza potrebbe aumentare la goduria fra qualche settimana:

Advertisment

Advertisment

  1. d’accordo sugli infortuni che hanno limitato le scelte, ma Padoin regista sulla carta (sul campo i compiti sono stati fraintesi, o strategicamente diversi) e l’insistenza su Coman titolare (o l’ignorare Dybala) appaiono scelte troppo discutibili. Come scegliamo gli 11 titolari? E che senso ha Isla in campo in quel finale?
  2. la rinuncia al sistema che sembra meglio vestire la Juve di Allegri non ha senso, quasi a un volersi aggrappare a una qualche forma di talismano chiamato 3-5-2 pur con interpreti non funzionali. È un segnale alla società per intervenire sul mercato o semplice confusione di inizio stagione?
  3. adesso che arriva Cuadrado e con le difficoltà a reperire un vero trequartista, cambia ancora il sistema di gioco?

Adesso la sfida si più dolce: cambiare, senza rinunciare a vincere, partendo da quell’abisso creato negli ultimi due anni. Ma occorre metterci più fantasia e coraggio a partire dalle scelte tecnico-tattiche.

Advertisment