Menu Chiudi

Spazio al tridente puro?

La difficoltà di mandare in gol gli attaccanti, fatta esclusione per Matri che certo non poteva tenere il ritmo di una rete a partita, sta forse convincendo Mister Conte a provare diverse soluzioni.

Advertisment

Soprattutto dalla metà campo in su, visto che la difesa funziona a meraviglia, escluso qualche svarione di Bonucci.

Il 4-5-1 funzionava perché lasciava molto spazio alla corsa di Vucinic e Pepe sulle fasce e alla libertà di inserirsi di Marchisio. Il 3-5-2 costringe invece il Principino a ingabbiarsi sul centro-sinistra, forse anche compresso in posizione centrale da un esterno molto più difensivo che offensivo (rispetto ovviamente al primo Vucinic). Potrebbe essere questa una causa del crollo delle prestazioni di Marchisio, l’uomo che più di tutti ci sta mancando (insieme a Pepe).

Advertisment

Così, unito allo score deprimente di Vucinic e Quagliarella e Del Piero (poco utilizzato) e Borriello, ecco il passaggio al 4-3-3 puro. Era luglio quando teorizzai un simile schema e potete apprezzarlo qui sotto.

Allora, era luglio, si parlava di Giuseppe Rossi e Ziegler era ancora in rosa. Al di là dei nomi scritti sulla lavagna tattica, io userei proprio questo schema sabato sera. Apportando i cambi seguenti: Vucinic a sinistra in attacco, Quagliarella sulla fascia opposta, Giaccherini al posto dello squalificato Vidal, Chiellini in fascia e Barzagli in mezzo (inamovibile).

Il Chievo si chiuderà con 12 uomini davanti la propria area e sarà complicatissimo trovare spazio, ecco che i 3 attaccanti puri potrebbero liberare le marcature, cioè gli inserimenti da dietro di Giaccherini e Marchisio. In più Conte può contare sulla spinta costante di Chiellini e Lichtsteiner che paradossalmente si trova meglio in una difesa a 4 rispetto al ruolo di ala nel 3-5-2.

Solo impressioni. Critiche? Consigli?

Advertisment