Menu Chiudi

Sulla Juve e dintorni…

Dopo le pause festive si torna alla normalità che è quella del tiro al bersaglio e, il bersaglio, ironia della sorte, è stato concepito con strisce concentriche bianconere… sarà stato anch’esso un anti juventino? (l’inventore dico).

Advertisment

Quello che sto per scrivere farà storcere sicuramente il naso a molti juventini ma, credo, debba essere fatta salva la mia buona fede e la mia sicura juventinità.

Per digerire la kafkiana sconfitta con la Samp mi sono dedicato al giardinaggio e tra un innesto e l’altro, (mal riuscito per via del nervoso… si sa con le piante si deve essere sereni…), mi sono messo a leggere un pò di qua e un po’ di là. Il filone di Bari della vicenda Scommessopoli pare sia arrivato al punto cardine: il rinvio a giudizio per 36 giocatori, mi pare, e il nostro Antonio è solo un testimone, tecnicamente, per il Codice Penale si chiama “una persona informata sui fatti”.

Chissà perchè i media spingono e incitano il palazzinaro a trovare elementi,anche per questa vicenda per un deferimento per omessa denuncia?!

Ho la sensazione che dalla Dirigenza alla squadra ci sia una sorta di rilassamento dovuto al fatto che il “Capitano” è ritornato in panchina e, mediaticamente, ci si sta facendo massacrare. Se uno di voi va sulle pagine di qualsiasi blog (Virgilio su tutti) ci sono una caterva di sarcastiche offese sulla vicenda, su Conte e sull’appellativo ormai abusato e sprecato di “ladri”.

Sarebbe ora di darci un taglio, o no?

Advertisment

Voglio fare una breve disamina su ciò che il tifoso medio, quello che non è infarcito di veleno, può pensare, non di tutte le vicende che ci hanno visto, nostro malgrado, coinvolti, ma solo della vicenda Scommessopoli.

Chi legge, forse poco attentamente o forse no, quello che i media riportano si fa un’idea che, in effetti, risulta difficile da smontare e cioè quella che TUTTE le squadre che sono state allenate dal nostro Antonio Conte, risultano invischiate in faccende poco chiare.

Sorge spontanea una domanda (Lubrano docet) ma Conte è un pirla? O uno che allena dalle 8 alle 14.00 e poi se ne torna a casa come un normalissimo dipendente? Io sono un funzionario amministrativo e ho nel mio staff diversi dipendenti con i quali lavoro gomito a gomito, beh non mi ci vuole una laurea in astrofisica per capire che qualcosa non va o che qualcosa sta generando malumore. E intervengo di conseguenza.

Quello che voglio dire è che per qualsiasi sportivo ( lascio perdere i tifosi) è naturale chiedersi: ma l’allenatore non è in grado di capire se nella  squadra ci sono movimenti strani? Se ci sono giocatori infedeli? Ma allora che allenatore è?

Io credo che ognuno di voi, di questo blog, la domanda se la sia posta, magari nel silenzio assoluto della propria mente e abbia assolto Conte solo perchè essere juventini è una fede, un dogma, ma che, come me, in una piccola parte del nostro cervello si sia mandato a qual paese Conte per la “leggerezza” o l’”abitudine” conclamata nel calcio e dal calcio a trattare queste vicende spinose che, a mio parere meriterebbero azioni e interventi diversi.

O no?

Advertisment