Menu Chiudi

Tag: assocalciatori

Sui meriti di Boniek e quelli di Chiellini

Due strani personaggi. Con storie diversissime. Molto diverse. Partiamo, così come tradizione vuole, dalle brutte notizie.

Advertisment

Zibì Boniek è un polacco. Ha vestito la maglia della Juve nei mitici anni in cui Trapattoni diventava un allenatore-mostro, Platini incantava e la Juve vinceva regalando pure ampie soddisfazioni a livello Nazionale. Boniek è stato un buon attaccante. Ha basato il suo successo sulla corsa, pazzesca, e un fisico da atleta. Piedi discreti, non un grande fiuto per il gol. In oltre 130 gare con la Juve ha segnato poco più di 30 reti. Ha firmato un paio di vittorie, giusto un paio. Andato via dalla Juve  e approdato in maglia giallorossa, il buon Zibì ha cominciato a dare i numeri. E sì che a Torino avevano vietato vino e alcolici. Sarà stata l’aria romana che non vede di buon occhio il bianconero, sarà stato un senso di voler restare nella storia – ma quando mai, su, non scherziamo – a juventina a tutti i costi. Insomma, il buon Zibì ne ha dette di cotte e di crude. Se provate a intervistarlo vi dirà, tanto per citare un esempio, che lui si vergogna di aver vinto una Coppa dei Campioni. Per non parlare delle cazzate sparate nelle varie ospitate televisive. Mai una volta avesse speso due parole – dico due – in favore di una squadra che qualcosa a lui ha dato. Mai. Solo inutili e volgari frasi di circostanza, di chi per contratto deve dare contro alla Juve. Sempre. Comunque. In tutte le situazioni.

Ora questa simpatica canaglia dice che lui la stella nel nuovo stadio se l’è meritata. Ma perché? Ma dove? Orsù, ragioniamoci. D’accordo sulle tue prestazioni. In realtà ci sarebbe da discutere, anche tirando fuori il delizioso “Bello di notte” col quale l’Avvocato dipinse il suo rendimento diciamo discontinuo. D’accordo per le oltre 100 presenze. D’accordo pure sui 30 e passa gol. Ma poi basta. Cioè io, che nascevo proprio negli anni in cui tu giocavi, ho il ricordo di un Boniek volgare che sputa contro la Juve. Ho negli occhi e nelle orecchie le ramanzine contro Moggi e la Juve di Lippi. Ho nelle orecchie gli strani racconti di un Platini che è esistito solo nella tua fantasia, perché tutti gli addetti ai lavori raccontano un altro Platini. Ho negli occhi le tue ospitate dove, pur senza articoli determinativi e indeterminativi, fai della Juve il bersaglio per sfogare una tua settimana difficile. Ma stella di che? Ma stella perché? Ma stella dove? Ma smettila. Una volta hai detto “ormai sono romano”. Ecco: la scelta l’hai fatta, ora non rompere le scatole e vedi dove devi andare. A Zibì, e non farmi incazzare, su-dai! Prima di te viene pure Salvatore Fresi che almeno ebbe l’accortezza di segnare al suo debutto contro l’Atalanta. O viene anche il buon Baiocco (ora a Brescia) che con Lippi giocò un discreto campionato (in tutto credo 90 minuti, più o meno). Gente che quando chiamata in causa non ha atteso la provocazione per spendere due dolci parole nei confronti della società che li ha coccolati. Zibì: nella vita i valori esistono. E noi tifosi lo sappiamo benissimo. Per te… niente stella! Sarei il primo ad armarmi di cacciavite e svitarla per buttarla da qualche parte.

Advertisment

Il secondo personaggio è ben diverso da Zibì. Si chiama Giorgio Chiellini. Fresco di laurea e di contratto è l’unica voce in questo strano mondo ad aver agitato le acque in attesa di capire perché mai dei giovanotti che guadagnano quelle cifre e possono vivere quelle vite, facendo di professione i calciatori, debbano scioperare i giorni 11 e 12 dicembre. E’ l’unica persona, a quanto pare ragionevole, a esporsi per tentare una mediazione fra due istituzioni nulle e prive di significato, vuote di intelletto e molto molto povere di valori quali Lega e Aic.

Già perché i calciatori sono stufi. Stufi di essere strapagati. Stufi pure di allenarsi. Stufi di essere presi in giro. Incatenati come polli a professionisti del crimine quali i procuratori, accecati da tanti zero sul contratto, spinti da una ignoranza che non giustifica simili guadagni… i calciatori scioperano. Ora, io sono una persona istruita, almeno la licenza media l’ho presa. Sono una persona che lavora e studia. Ho letto, riletto, approfondito, cercato e stampato numerosi articoli su questa lite su contratti, regole e regolamenti. Io non vedo nulla di strano.

Tu calciatore che guadagni tutti quei soldi corri dei rischi. Se non giochi bene vuol dire che non produci. La società dovrebbe avere la piena libertà di poterti mandare a calci in culo a lavorare. Che nel tuo caso significa allenamenti, allenamenti e allenamenti. La società che ti paga quei soldini deve avere pure voce in capitolo su come gestisci la vita che è molto legata alla professione che svolgi. Se hai lo zio medico gli telefoni la sera per i fatti tuoi, altrimenti devi concordare visite e terapie e dottori con la società. Tu calciatore non puoi parlarmi di mobbing, perché il mobbing purtroppo esiste davvero ed è tutt’altra cosa. Che non significa che non esistano reali casi, ma andrebbero allora registrati alcuni cambiamenti nelle regole sportive (non solo quelle vigenti nel campo di gioco). Ma scioperi… per quale motivo, oh tu calciatore? Qualcuno riuscirebbe a schiarirmi le idee? Solo onori e niente oneri?

Cioè io devo vedere la mia Juve che paga Amauri 3,5 milioni di euro a stagione per correre in campo 200 minuti l’anno e segnare meno gol di quanti non ne segni un ragazzetto di 10 anni che gioca in Parrocchia e fa il difensore? Cioè la mia società Juve non può rivedere il contratto al ribasso? O prevedere ingenti allenamenti per far capire che anche il calcio, a quelle cifre lì, è una cosa seria e va onorato? Boh. In ogni caso: grazie Capitan Futuro. Ma resterai inascoltato!

Advertisment

Sullo sciopero del 25 e 26 settembre dei calciatori

Oggi essere calciatore di Serie A è una certezza per la prole e i figli dei figli: certezza economica. Gli stipendi che un giocatore, di media qualità per non dire cose peggiori, percepisce non è lontanamente paragonabile a quello di un impiegato. Per carità, i privilegi devono essere riconosciuti a questi ragazzi, ma intascare 8 milioni di euro ogni anno per dare calci a un pallone e mostrare continuamente come non si dovrebbe stare al mondo da persone civili… beh questo mi pare eccessivo. Se poi questi stessi ragazzi, questi privilegiati, si permettono di indire uno sciopero, di quelli che molte persone pagano di tasca proprie per ragioni più dignitose e certo più serie, allora il punto più basso della miseria intellettiva umana è stato raggiunto.

Advertisment

Non essere d’accordo con Lotito (leggi le sue parole) mi pare un azzardo. Parole stante quelle del buon Claudio, uno che non ha avuto paura di certi tifosi (li chiamano ancora così) e che ha compiuto un certo tipo di lavoro per la sua Lazio (ho approvato il suo modo di agire contro/su Ledesma e Pandev). E francamente non capisco le parole di Oddo, uno che per un taglio di capelli al Mondiale e per starsene seduto comodamente in tribuna guadagna quanto io e mio padre non-guadagneremo in tutta la nostra vita. A tutto c’è un limite. O forse no!

Advertisment

P.S.

Ancora una settimana di vacanza e questo blog tornerà ad essere aggiornato regolarmente. Buon lavoro a tutti i gentili e pazienti lettori.

Advertisment