Menu Chiudi

Tag: behrami

Che partità sarà?

Due centrocampi per certi versi simili, dove però ovviamente cambia, e di molto, il tasso tecnico. A favore dei bianconeri. Due attacchi particolari, e stavolta il vantaggio è tutto del Napoli nella sola presenza di Cavani. Per il resto gli attaccanti bianconeri fanno più lavoro, permettendo tutto quello  che Conte ha potuto esprimere in campo. E la difesa?

Advertisment

Per me il punto cruciale sarà proprio la difesa. Della Juve, che non deve permettere ripartenze pericolose né farsi scappare qualche inserimento da dietro. Del Napoli, che non può certo sottovalutare i due incursori Vidal e Marchisio, né Vucinic e Giovinco comunque in doppia cifra.

La Juve dovrà poi fare attenzione alle palle alte, calci d’angolo o semplicemente il vecchio kick-and-run molto caro a Mazzarri, che ne dicano gli opinionisti che di tattica poco ci capiscono. L’irruenza con la quale il Napoli va in avanti può diventare però arma preziosa per le ripartenze bianconere. In questo caso molto dovranno fare Lichtsteiner e Asamoah nel tentativo di spaccare il match. Come già accaduto con il Celtic.

Advertisment

Il Napoli invece dovrà cercare di interrompere le trame preparatorie di Pirlo e compagni. Sebbene nel 2013 la Juve concede più possesso palla agli avversari per tentare di graffiare in fase di ripartenza, il giro palla bianconero non ha eguali in Italia. Gli azzurri hanno in Inler e Behrami due cagnacci importanti. Mentre Hamsik, ipotizzo io, farà la balia a Pirlo in fase di non possesso. Ma nel momento in cui la palla uscirà da questa zona del campo potrà accadere di tutto.

Barzagli, Bonucci e Peluso, contro Pandev e Cavani più Hamsik a rimorchio.

Se non fossimo il popolo becero che siamo ne verrebbe fuori una bella partita, maschia e aperta. Ma già qualcuno ha già cominciato a destabilizzare l’arbitro del match. E vien da sorridere se a lamentarsi è Mazzarri. Curiosamente si sfidano la squadra che di rigori non ne prende più nemmeno se viene fucilata e la squadra di che di rigori contro non ne ha da 33 partite. Ecco, ci sono cascato pure io. Buon campionato a tutti. Perchè l’unica verità è la seguente: il campionato non si chiude domani sera.

Advertisment

Il curioso caso di Behrami, espulso da Mazzarri

Alla caccia del giornalismo obiettivo. Tranquilli, interrompete la ricerca: in Italia non esiste. Non una testata, oggi in edicola, a sottolineare cosa è successo intorno all’ora di pranzo fra Fiorentina e Napoli.

Advertisment

Siamo nel secondo tempo, minuto 53. Brutto fallaccio di Behrami, centrocampista del Napoli. Fischio dell’arbitro e lo stadio attende con ansia il provvedimento. Perché il giallo era sacrosanto. Solo che l’arbitro non caccia fuori nessun tipo di cartellino. Sarebbe stato il secondo giallo e quindi espulsione. Le squadre erano sul punteggio di 1-1. Minuto 54: Mazzarri chiama a gran voce la sostituzione, piuttosto ansioso. Esce Behrami: sostituzione cautelativa si chiama. Più o meno stesso procedimento adottato da Conte in quel famoso Juventus-Inter.

Advertisment

Solo che le coincidenze si fermano qui. Già perché né la stampa né da Firenze si sono levati cori indignati contro l’arbitro e contro il Napoli. Per esempio Della Valle ha rinunciato al suo show, per esempio la Gazzetta non ha mobilitato tutta la sua redazione nel cercare di capire se l’arbitro avesse dei contatti diretti con la dirigenza partenopea. Niente: può capitare, un giallo che non arriva, un Behrami graziato e un Napoli che ha potuto finire in 11 il match.

Eppure nel caso di Lichtsteiner poco ci mancava e il Parlamento non si riuniva per capire il motivo per cui lo svizzero fu graziato dal secondo giallo. E tanto per dirla tutta: sempre in quella partita nessuno poi si è accorto dei fallacci di Samuel, Zanetti e Cambiasso (non ammoniti). Ca vans sans dire…

Advertisment

Juventus-Napoli 2-0 La supermoviola di un Damato sfortunato

Niente: ci hanno provato in tanti, ma l’episodio a favore della Juve non si trova. In realtà Bergomi a Sky, in diretta, ha provato a recriminare e chissà se da Napoli non proveranno a chiedere la ripetizione della gara. Marchisio scambia sulla sinistra e si invola, ma viene letteralmente falciato. Damato concede solo l’angolo da cui nasce il gol di Caceres: errore tecnico e partita da ripetere?

Advertisment

Advertisment

Al di là di questa che battuta non è, andiamo a rileggere gli episodi del match, così giusto per capire se due settimane di piagnistei abbiano potuto anche solo leggermente influenzare Damato:

  1. al minuto 8 manca un giallo per Pandev: gomitata volontaria su Chiellini, il replay non lascia dubbi, nonostante non lo prenda bene e certo voleva prendere posizione;
  2. su Cannavaro ci sarebbero un paio di interventi da giallo su Quagliarella già nel primo tempo: se la caverà sempre pur intervenendo da tergo;
  3. al minuto 10 giallo per Cavani che rifila una piccola gomitata a Chiellini: nervosi i punteros del Napoli, non trovate?!
  4. Inler stende Giovinco con una ostruzione palese e anche piuttosto dura: niente giallo, minuto 18;
  5. il giallo se lo becca per Vidal “ma questo è un normalissimo intervento di gioco: non si capisce perché questo provvedimento” dice Cesari, noto supertifoso bianconero;
  6. dubbio per un mani-spalla di Cavani al minuto 35: sarebbe stato il secondo giallo;
  7. cavalcata di Maggio per oltre 50 metri, poi sfinito sviene e si aggrappa alla maglia di Barzagli: per Damato è fallo per il Napoli, siamo al minuto 46 e Caressa sta ancora cercando di capire il perché viene fischiato fallo contro la Juve;
  8. ancora Cannavaro duro e da dietro su Quagliarella: minuto 51, ma Damato sorvola;
  9. al minuto 52 la clamorosa svista su un fallaccio di Behrami su Giovinco: Damato addirittura nemmeno fischia, ma ci sarà bisogno di mettere la palla fuori e consentire ai medici di soccorrere il talento juventino. Né giallo, né punizione;
  10. giusto al minuto 63 dare il giallo a Chiellini per trattenere il pallone, ma la reazione di Campagnaro è esagerata e vale il giallo. Juve in vantaggio sul numero di gialli in una partita dove i falli sono stati commessi praticamente dal Napoli: dato curioso e interessante;
  11. si chiude in bellezza col giallo a Barzagli al minuto 73: Bonucci chiede perché puntualmente scatta l’ammonizione per i bianconeri, mentre il Napoli viene graziato, ma non riceverà risposta.

Detto questo, in bocca al lupo a tutte le squadre di Serie A.

Advertisment

Mercato, facciamo il punto

Un mese fa, esattamente il primo di agosto, parlando di mercato avevamo sottolineato la grande partenza della Juventus, che con diversi acquisti aveva addirittura allargato la forbice di differenza e superiorità rispetto alle altre. Asamoah, Isla, Giovinco, Pogba, Leali, Masi, Lucio: tutti arrivati prestissimo, perché la Juventus si era mossa con netto anticipo. Chiaro che non avrebbe continuato così, e il mese di agosto ha visto la Juventus in sordina: unico obiettivo il top player, che pero non è arrivato. In compenso è arrivato Bendtner, tra scetticismo e speranza: non è il giocatore che cercavamo, testuali parole di Marotta, ma è stata una possibilità. Un rischio pari a zero, dal punto di vista economico, ma molto alto da un punto di vista del calcio giocato: è praticamente una scommessa, e non un top già affermato. Voto alla Juventus 8,5. Col top player sarebbe stato 9.

Advertisment

Il Napoli ha fatto un grande mercato:emerge soprattutto l’attenzione negli acquisti, con movimenti oculati a coprire i ruoli scoperti. Insomma, il Napoli ha messo in piedi una rosa che assicura due giocatori per ruolo: mica male per una squadra che va a posizionare si tra le prime quattro, come pronostico, e che ha la migliore solidità del campionato. Mazzarri è ormai in pianta stabile da tre anni: in Italia il più longevo tra gli allenatori. Acquisti ben fatti: Berahmi, Insigne, Mesto, El Kaddouri, Uvini vanno a rinforza una rosa che era già buona. C’è da dire che il Napoli ha pure perso giocatori fondamentali: Lavezzi su tutti, era il motore di questa squadra, così come Gargano che correva per tre. Corto, bisognerà vedere se Insigne sostituirà al meglio Lavezzi, e se i rinforzi saranno all’altezza delle aspettative. Ma già aver creato una rosa con due giocatori per ruolo non è male. Voto 8.

Advertisment

Il Milan invece ha rivoluzionato tutto: via Ibrahimovic e Thiago Silva (insostituibili), via Zambrotta, Nesta, Gattuso, Seedorf, Van Bommel, Inzaghi, Cassano, Aquilani. Presi Acerbi, Zapata, Montolivo, Constant, De Jong, Pazzini, Bojan, Traorè: insomma giocatori che non possono avvicinarsi nemmeno minimamente alla caratura di chi è partito. Allegri dovrà ricostruire in primis un gruppo, falcidiato anche psicologicamente da questa grande rivoluzione: non è facile, mancano i perni fondamentali e decisivi per puntare a vincere. Un mercato sicuramente non positivo per il Milan, che forse ha aggiustato il tiro negli ultimi giorni, quando ha preso la punta che serviva, e il mediano in mezzo. Voto 5,5

L’altra milanese, quella nerazzurra, ha dato il via all’esodo degli eroi del triplete: via Julio Cesar, Lucio, Maicon, oltre a Pazzini, Forlan, Zarate, Poli non riscattato. Un mercato partito con gli acquisti di Silvstre in difesa, Handanovic in porta, Palacio dal Genoa, e Mudingay dal Bologna. Insomma un mercato sotto tono. Pero anche l’Inter ha aggiustato la mira nelle ultim settimane, rafforzandosi ulteriormente con gli arrivi di Cassano, Gargano e Alvaro Pereira: anche qui, come per il Napoli, si è creato il doppio giocatore per ruolo. Unica pecca il vice Milito che non c’è. Voto 7

La Roma è tutto un programma, perché ha cambiato non solo tanti giocatori, ma anche sistema di gioco. Ha preso Piris, Castan, Balzaretti (tre titolari, quindi difesa nuova), Bradley, Destro, Dodò, Florenzi, Tallo. Ma ha comunque ceduto Borini, Bojan, Juan, Simplicio, Heinze, Pizarro, Rosi, Josè Angel. Un cambiamento totale perché, a differenza delle altre, molti titolari sono andati via. Questo porta veramente delle incertezze, perché è una squadra totalmente nuova: ben sei titolari sono arrivati quest’anno! Difficile dare un giudizio sul mercato, perché per giudicare il mercato ci dev’essere una naturale e indissolubile relazione col campo. Tutto sommato un mercato molto movimentato, con buone operazioni, vedi Destro, ma altre incomprensibili, vedi Bojan regalato al Milan. Voto 6,5

Advertisment

Pizarro? Guarin? No, la Juve ora punta…

Il centrocampo della Juve verrà rinforzato. Paradossalmente il reparto migliore della squadra (da cui sono arrivate la bellezza di oltre 14 reti, più dell’attacco) verrà ritoccato. Non con un pezzo da 90, non ci sono i soldi. Piuttosto con un’alternativa ai tre tenori.

Advertisment

Il buon Pazienza così rischia il posto. Fin qui l’ex napoletano non mi è dispiaciuto: silenzio e pedalare. Quando chiamato in causa ha giocato sempre bene, dimostrandosi utile e umile. Questione di una consonante, ma sono proprio queste due caratteristiche a portare al successo. Personale e di squadra. D’accordo che parliamo di Pazienza, ma l’alternativa qual é?

Advertisment

Ed ecco che col ragionamento della Juve non mi trovo più d’accordo. Allora, se il problema era trovare un’alternativa a Pirlo, allora Pizarro è l’uomo ideale. Stesse identiche caratteristiche, esperienza, duttile, integro fisicamente. A buon prezzo. Oppure si prova a lanciare un giovane, tipo Gabriel Appelt. O far maturare Marrone come Conte in effetti sta facendo.

La virata su Behrami, dopo aver inseguito Guarin, mi suona perciò strana. In linea di principio Behrami potrebbe sostituire uno fra Vidal e Marchisio, quando uno di questi due titolari è stanco o squalificato. Ma a questo punto tanto vale puntare Guarin, sensibilmente migliore dello svizzero per quanto mi riguarda. Certamente un uomo di maggiore quantità e qualità in grado di puntare l’area avversaria e generare il gioco che piace a Conte: costruttore e distruttore, cioè il clone di Vidal.

Behrami è in realtà l’affare di maggiore facilità perché Amauri sembra ormai vicinissimo alla Fiorentina. In tal caso la Juve rinuncerebbe a qualche euro contante e si prenderebbe lo svizzero. Behrami fu un obiettivo di Moggi quando era giovanotto e giocava, da esterno di centrocampo, nelle fila del Verona. Corsi e ricorsi?

Advertisment