Menu Chiudi

Tag: biabiany

Vucinic libera tutti?

Trascorso il Natale, aspettando l’Anno Nuovo, il calciomercato è l’argomento principe di cui vivono le giornate di festa. I bianconeri, primi in classifica, fanno i conti di questi primi mesi.

Advertisment

Il terzo anno di Conte ha visto la conferma della supremazia nazionale. Quasi facile, quasi irriverente visto il ritmo da record delle avversarie. Con una nuova coppia d’attacco che potrebbe rappresentare l’ago della bilancia del calciomercato juventino.

Intendiamoci. Llorente e Tevez appaiono ben saldi della loro titolarità nell’11 di Antonio Conte, perciò le posizioni in bilico sono quelle di Vucinic, Quagliarella e Giovinco. In questo preciso ordine di appeal sul fronte mercato. Qui si inseriscono possibili ragionamenti che certamente Conte e Marotta stanno facendo. Con estrema calma tentiamo di scrutare nella sala comando della Juve.

Il montenegrino è un talento purissimo. Solo quando ne ha voglia, però. Conte lo sa bene: lo ha voluto fortemente, lo ha difeso fortemente, ha puntato fortemente su Vucinic che ha ricambiato in questi anni in modo ottimo. Non perfetto. Quante volte in pagella abbiamo dovuto segnare un voto negativo? E tutte le volte con la stessa ineludibile giustificazione: indisponente. Per la poca voglia mostrata in campo, per lo strano nervosismo che lo trasforma in un giocatore mediocre quando ha nei piedi oro puro. La pazienza ha però un limite. E l’intersezione con l’opportunità apre scenari di mercato interessanti.

Advertisment

Vucinic è appetito molto all’estero, dove la Juve quasi sicuramente lo venderà. Non in Italia per evitare di rinforzare le nostre dirette avversarie. Pagato 15 milioni di euro, oggi Vucinic vale esattamente questa cifra, forse qualcosa di più visto il curriculum più ricco. Arriva da un infortunio, ma diverse squadre potrebbero farsi avanti.

Si vociferava del Manchester United, ma appare più una trovata giornalistica. In ogni caso, il cartellino di Vucinic servirebbe per arrivare a un buon colpo. Sulla fascia. Certamente a sinistra. Piace per esempio Nani.

Se non Nani, l’alternativa che in questi giorni è sempre presente sui giornali è Menez. L’ex giallorosso piace a Conte per le potenzialità in fase offensiva. Può giocare esterno in un classico 4-4-2 o meglio in un 4-3-3. Abilità nell’uno contro uno, grande contropiedista, buon crossatore. Perfetto, in quest’ultimo caso, per la testa di Llorente. In contropiede farebbe invece staffetta perfetta con Tevez.

Difficile credere a Biabiany o ad altri nomi italiani di seconda fascia. La Juve per rinforzarsi, la Champions insegna, ha bisogno di grandi firme. Non saranno certo i Bale della situazione o i Suarez (119 milioni di euro la clausola del Liverpool), ma occorre comunque esperienza e classe certificata.

Advertisment

Juventus – Parma, tatticamente parlando

La Juventus nuova presenta problemi vecchi. Purtroppo è così, ed era una mia paura alla vigilia, quando ho letto che il Parma avrebbe giocato col 3-5-2. Lì ho subito capito che avrebbe giocato con una linea a 5 in fase di non possesso. Infatti sia Rosi che Biabiany erano molto bassi nel primo tempo. Nessun affondo per noi sulle fasce, tranne quello del rigore.

Advertisment

Nel primo tempo abbiamo giocato male, sia per idee che per intensità. Il Parma, molto raccolto, ha fatto una grande prestazione. Ha chiuso tutti i varchi centralmente, e questo anche per la poca mobilita delle nostre punte: Giovinco e Vucinic hanno fatto l’errore di giocare spalle alla porta: con tre difensori forti fisicamente, hai la peggio. Tant’è vero che non abbiamo avuto profondità, mentre questa era la prima cosa da cercare, sfruttando la lentezza dei difensori parmensi. Vedete le giocate di Di Natale ad esempio: dà  una marea di problemi alle difese avversari perché attacca la profondità come nessuno. Si muove, e questo è già una grande caratteristica. Questo avrebbero dovuto fare gli attaccanti juventini, soprattutto con una squadra che chiude gli spazi come ha fatto il Parma. Nel primo tempo hanno giocato meglio, e hanno anche rischiato di arrivare al gol: al solito, la difesa alta ha consentito le facili ripartenze, come in supercoppa.

Advertisment

Tra il primo e il secondo tempo ho pensato che il cambio giusto poteva essere un cambio di modulo: centralmente bloccati e con i nostri attaccanti praticamente fermi, c’era bisogno di allargare la difesa del Parma, e magari col 4-3-3 questo poteva capitare.Due attaccanti larghi che potevano portare fuori i difensori fuori, e creare quei buchi che nel primo tempo erano stati tappati bene dal Parma. Un po’ è successo quando abbiamo segnato: il gioco è stato allargato sulla sinistra, e l’imbucata dalla destra ha messo in evidenza il buco lasciato dai difensori. Così come la posizione di Vidal nel secondo tempo: non più al centro, ma un po’ più largo. La chiave per aprire le difese, quando si chiudono a riccio, è sempre quella di allargare le maglie: due esterni larghi creano sempre problemi, perché costringono i difensori a venire sull’esterno e a lasciare il centro: qui si crea il buco, o per l’inserimento centrale del centrocampista, oppure per il taglio dall’altra fascia. Da non sottovalutare i cambi di gioco: spesso sono decisivi, ma quando la palla gira velocemente.

Altro errore della Juve: la palla camminava troppo lentamente, e questo non poteva che agevolare gli avversari. Per la fase difensiva bisogna sempre tener presente che stiamo giocando senza il difensore titolare a sinistra: questo costringe Barzagli a giocare a sinistra, e non con il piede suo, e Bonucci a destra. Insomma , tutta la difesa gioca non a suo agio. Ma ancora una volta il peggior difetto è stata la difesa alta: il contropiede può far male, Conte deve lavorare ancora su questo aspetto. Non possiamo attaccare con dieci uomini in massa, si rischia grosso. La difesa ne risente, a maggior ragione quando gli altri hanno più gamba e ripartono a gran velocità. Anche questo mi ha colpito: l’anno scorso, nonostante la Juve spingesse, aveva sempre il pallone sulle respinte avversarie: eravamo lo stesso alti, ma portavamo un gran pressing che non lasciava un pallone agli altri. La fase difensiva va rivista, e subito. I pugni di Conte sui vetri dello skybox fanno rumore…

Advertisment