Menu Chiudi

Tag: cile

Che Mondiali saranno?

Ma che Mondiali saranno? Neymar inaugura oggi l’apertura della Coppa del Mondo per Nazioni, fra qualche giorno toccherà all’Italia, intanto attenderemo gli esordi di Argentina, Spagna, Portogallo, Cile.

Advertisment

64 partite in cui spettatori interessati saranno anche i direttori sportivi dei principali club europei, pronti a darsi battaglia per assicurarsi i big.

Advertisment

Tante le stelle in vetrina, così come sono tante le stelle rimaste a casa. Ibra, certo, ma anche infortunati, acciaccati, i clamorosamente esclusi (tipo quei due che hanno guidato la Juve alla storica soglia dei 102 punti).

L’Italia dovrà difendersi. Troppo forte lo spirito di dignità dei ragazzi di Prandelli, ma tantissimi i dubbi. Fra formazione ed esperienza, fra uomini da scegliere e avversari da affrontare.

Ma è pur sempre un Mondiale. Ci aspettiamo spettacolo e attendiamo la sorpresa. In un nome, in una Nazione.

Advertisment

Vidal e Pandev: due pesi e due misure

Divertente l’episodio che mi è capitato stamattina al bar. Con un amico juventino si prendeva un caffé e si discuteva quando poi l’argomento è caduto sul calcio. Imminente la sfida col Napoli e perciò aria riempita subito di polemica, anzi polemiche. Fra tutte il ritorno anticipato di Vidal.

Advertisment

Arturo Vidal tornerà a Vinovo a causa del cartellino rosso rimediato con la Nazionale. Salterà Cile-Argentina e lo diciamo col piglio di voler trasmettere un semplice concetto: “chi gioca a calcio per niente al mondo si perderebbe una sfida con l’Argentina di Messi & compagni”. Così l’amico, sorseggiando il caffé, la butta lì senza nemmeno riflettere:

Visto che furbata del Guerriero? Si è fatto espellere e così torna a casa riposato.

Inutile ripetere che salterà Cile-Argentina, piuttosto sarebbe carino affrontare quanto segue.

La mia risposta è stata di un sorrisino che in realtà nascondeva il più grosso “imbecille” che avrei voluto dirgli. Ma l’amicizia è fatta anche di parole non dette. Così ecco la controdomanda:

Sai per caso se qualche napoletano tornerà a casa come Vidal? Cioè saltando la sua seconda partita in Nazionale?

Allarme rosso nel viso del mio amico juventino: corsa ad aprire i siti sul suo iPhone. E finalmente ecco la domanda:

Advertisment

Nell’Italia nessuno dei napoletani era squalificato, no?!?

Nessuno dei napoletani? Conosco tutti gli juventini convocati da Prandelli, so dei minuti giocati dai ragazzi bianconeri e per esempio i 90 di Andrea Pirlo, ma mi sfugge questa massa di giocatori napoletani convocati dal CT azzurro.

E allora sono serviti ben 10 minuti di attesa perché trovasse il dato a cui mi riferivo:

Dai?! Pandev tornerà a casa come Vidal?

Ed ecco l’inghippo, il tranello mentale cui le persone mediocri, e in Italia siamo pieni, cedono volentieri il passo. E’ una forma mentis: la polemica prima di tutto.

Perché Vidal torna a casa ed è un furbacchione e Pandev ha quasi subito un’ingiustizia? Fra l’altro c’è da dire che non è Mazzoleni che gli ha comminato il giallo che gli consentirà di riposare, quindi Marotta è riuscito meglio di Moggi a creare una Cupola sovranazionale. Perché adottare due pesi e due misure, senza indagare gli episodi.

Francamente di Pandev e dei napoletani mi frega poco, anzi nulla, mentre di Arturo Vidal ho visto il video: gomitata e giustamente fuori. Il perché non lo so, ma non credo che un talento del genere rinunci a Cile-Argentina per Juve-Napoli: ammettiamolo pure noi che la sfida più divertente è la prima.

Resta il fatto che il doppiopesismo ha raggiunto livelli inimmaginabili. Ma in Italia si sa: se non polemizzi… godi solo a metà!

Advertisment