Si arriva al supermatch di questa sera in condizioni climatiche avverse. Non c’entra nulla il meteo, piuttosto quanto accaduto durante i 6 giorni che hanno preceduto la sfida.

Advertisment

Dal mani di Robinho alla sfida contro il Napoli, dalla par condicio della moviola riservato solamente alle milanesi al processo di Napoli col tentativo fetido di ricusare il Giudice Casoria.

Intanto si è assistito a un grande aiuto della squadra arbitrale a Montella e a Rosella Sensi. Gli amici di Moratti non vengono mai traditi. Ascoltare comunque le parole di De Canio e di Semeraro mi fa venire un brivido lungo la schiena, perché con questo meccanismo la Juve è stata mandata a processo:

[De Canio: ] C’erano almeno tre rigori per il Lecce, e la gara è stata decisa da episodi…

[Semeraro: ] Ora parliamo con i nostri parlamentari e faremo un’interrogazione parlamentare…

De Canio e il suo presidente scherzano, ma accadeva regolarmente quando la Juve di Moggi tritava ogni santa domenica l’avversario di turno. Intanto con questi regalini Montella e la Roma continuano a raccogliere preziosi punti in classifica. Che pesano e peseranno moltissimo. Speriamo solo che i regali alla fine, come amavano dire in tempo preFarsopoli, si compensino sul serio, perché a Torino di regali non ne vedono da Cagliari, turno d’andata del Torneo Aziendale 2010/2011.

Advertisment

A Milano, dopo aver comprato l’ennesimo premio, il presidente-più-molesto-della-storia-del-calcio lancia il suo tifo per la Juve: come dire, da soli proprio non sanno andare avanti. E l’altra Moratti, il sindaco, incappa in una gaffe mica male. Berlusconi comunque ha replicato immediatamente: già oggi potete leggere quanto da lui scritto e firmato da Suma (che addirittura scrive essere Giornalista Professionista).

A Torino infine Del Neri non ha dubbi. E come potrebbe averli leggendo chi non c’è, chi non ci può essere e chi non è arruolabile? Il recupero di Aquilani è solo psicologico, a meno che qualcuno non abbia volontariamente mentito sulle sue condizioni di salute (e non credo). Starà fuori, quindi in mezzo al campo giocheranno Felipe Melo (attenti al rosso, in quanto si beccherà pure i gialli riservati a Van Bommel) e Marchisio. A sinistra Martinez (che proprio all’andata giocò la sua migliore partita in bianconero, figuratevi!) e a destra un Krasic che finalmente ha rilasciato parole nette:

Non sono un simulatore: studiate il mio gioco.

Non ha tutti i torti, ma se molta gente pare dare ragione a Pistocchi… allora tranquillo caro amico serbo, testa bassa, allunga la palla e asfalta i tuoi avversari.

Dubbi in attacco dove Del Piero scalpita, ma è troppo forte la tentazione di ripresentare la coppia Matri-Toni che aveva steso l’Atalanta di Milano.

In difesa turno di punizione per Bonucci (ampiamente meritato), ma soprattutto corretta mossa di giocarsela sulle fasce dove agirà Pato. Traoré dovrebbe essere titolare, mentre Barzagli e Chiellini garantiscono, al momento, una migliore copertura contro il fisico di Ibra e la velocità di Robinho.

Advertisment