Menu Chiudi

Tag: di-natale

Verso Udinese – Juventus

Archiviata la prima pratica stagionale con un secco 2-0 al Parma, la Juventus domenica alle 18 affronterà l’Udinese di Guidolin. Partita che arriva in un buon momento: l’Udinese è stata eliminata dalla Champions abbastanza malamente, visto l’erroraccio dal dischetto che ha praticamente consegnato la qualificazione allo Braga. Inoltre i friulani hanno anche giocato per ben 120′, quindi altro vantaggio per la Juventus, che si ritroverà di fronte una squadra molto provata, sia psicologicamente che fisicamente. Ma l’Udinese non va sottovalutata, anzi: i meccanismi del suo 3-5-2 funzionano sempre alla perfezione e bisognerà stare molto attenti.

Advertisment

Advertisment

Nella Juventus dovrebbero rientrare sia Buffon che Chiellini: si ricompone quindi la difesa scudettata, e finalmente ritroveremo Bonucci al centro e Barzagli a destra. A centrocampo si pensa a una riconferma in toto: ormai quei 5 sono intoccabili. In avanti invece Vucinic verrà affiancato da Matri, causa forfait di Giovinco: per lui una distorsione. L’Udinese invece, reduce dalle fatiche infrasettimanali, dovrebbe ripresentare la difesa titolare con Benatia, Danilo e Domizzi a proteggere la porta di Brkic. A centrocampo invece dovrebbe rientrare Willians, mastino del centrocampo: per il resto confermati tutti, da Armero a Basta. In avanti probabile coppia Muriel- Di Natale: attenzione alla loro velocità e ai tagli.

Advertisment

Euro 2012: I correttivi (?) di Prandelli

L’altro ieri abbiamo parlato dei vari limiti tattici della Nazionale: il 3-5-2 non ha convinto, anche perchè come ho sottolineato nell’altro articolo, era uscito fuori praticamente dal nulla, dopo la pesante sconfitta con la Russia.

Advertisment

Ma in realtà non era mai stato nemmeno pensato prima di queste due partite. Stasera l’Italia torna a cambiare modulo, passando al 4-3-1-2, con l’intenzione di dare più equilibrio, e soprattutto coprire meglio gli spazi dietro. L’obiettivo è quello di cercare didelimitare i difetti della difesa a tre, ma più precisamente evitare che i laterali possano ripetere gli stessi errori.

Advertisment

Con la difesa a quattro c’è maggiore copertura, e si occupa meglio il campo nel reparto difensivo. Dovrebbero giocare come centrali Chiellini e Barzagli, con Bonucci che va in panchina: scelta giusta a mio avviso, perchè Bonnie nei 4 non rende al meglio. Sulle fasce andranno Abate a destra, con licenza di offendere, e Balzaretti a sinistra, per dare più equilibrio dietro.

A centrocampo intoccabili Pirlo, Marchisio e De Rossi: il genio Andrea sicuramente avrà più spazi per impostare, con l’unico pericolo: De Rossi potrebbe pestargli i piedi nell’impostazione, ma le idee e i compiti sono ben definiti. Dietro le punte forse arriva la scelta che piu fa discutere: giocherà Thiago Motta, che quanto a condizione non sta messo molto bene. E poi non è il suo ruolo. Da mangiarsi le mani, perchè in panchina c’è Giovinco, e sappiamo quanto potrebbe incidere in quella posizione. Forse Prandelli non vuole perdere gli equilibri, ma secondo me poteva azzardare, visto che si torna a 4 dietro. E soprattutto perchè contro l’Irlanda si deve vincere.

In avanti Di Natale prenderà il posto di Balotelli, finora deludente. Ci sarà Cassano, con la solita autonomia di un tempo. A questo punto non sappiamo fino a che punto queste scelte premieranno il CT. Io avrei anche pensato ad un 4-3-3, con difesa e centrocampo uguali, ma in avanti Giovinco, Di Natale e perchè no, anche Borini: nel 4-3-3 andrebbe benissimo. Ma non abbiamo una vera prima punta, e forse per questo il CT ha puntato sul trequartista. Sarà Thiago Motta, e questo mi ha sorpreso, tenendo conto del fatto che Prandelli stravede per Montolivo. Speriamo che non ci sia una staffetta di questo tipo, perchè entrambi non rendono in quella posizione.

Advertisment

Udinese in testa, il Milan frena nonostante gli aiuti

La cosa più divertente della domenica pomeriggio è la protesta di Seedorf a fine partita. Proprio lui che a fine primo tempo si è divertito a giocare a pallamano nella propria area e Rocchi… muto! Ma è la protesta a non avere senso. Protesta per cosa? Per aver negato due rigori al Bologna? Per averne concesso uno a Ibra su cui ci sarà da indagare con la lente di ingrandimento, oltre che l’azione è viziata da posizione di ultrafuorigioco di Pato?

Advertisment

Nel primo tempo Seedorf volontariamente, su cross bolognese, allarga il braccio e devia la palla. Rocchi fa finta di nulla: ordini superiori? Il pubblico protesta ancora di più nel secondo tempo quando Yepes addirittura si infortuna: col suo piede destro tocca il sinistro di Ramirez pronto al tiro a quattro metri da Amelia: anche qui nulla. Poi un contatto da rivedere (su tre immagini di MediasetPremium sembra che il contatto sia estremamente lieve) su Ibra scatena il pubblico. La prestazione del Bologna restituisce merito alla vittoria sofferta della Juve 2 giovedì in Coppa Italia.

Intanto l’Udinese va in testa. Un punto di vantaggio sui bianconeri di Torino che però devono ancora giocare. Domani sera contro la Roma, come abbiamo avuto modo di presentare questa mattina. Un grande Di Natale che segna di testa e lancia la propria squadra.

Advertisment

Sale la Lazio: un superKlose nasconde una prestazioni mediocre dei biancocelesti, ma i grandi giocatori servono proprio a questo.

Stasera il Napoli.

E chissà se quel milanista avrà ancora modo di dire che gli arbitri quest’anno favoriscono la Juve. C’è un limite a tutto. Pure all’idiozia, soprattutto se messa di fronte a immagini molto chiare.

Advertisment