Menu Chiudi

Tag: lewandowski

Conte agli Europei: qual è l’obiettivo?

Bella partita. Un pareggio che ha rispecchiato le forze in campo. Un pareggio cui ha assistito Antonio Conte. Spettatore libero o spettatore interessato?

Advertisment

Quando le telecamere lo hanno inquadrato ecco che la stampa si è scatenata e con essa i vari blog e i forum. Ma chi starà seguendo il tecnico bianconero? L’unico nome altisonante è quello dell’attaccante del Borussia Dortmund, Lewandowski. Gran gol da killer d’area di rigore, ma per il resto una partita da 6. Certo non bisogna fare l’errore di limitare tutto il giudizio ai primi 90 minuti, ma ugualmente riportiamo il nostro pensiero.

Antonio Conte lì, in questo momento, ci pare proprio un depistaggio. Come quando Moggi si faceva vedere durante un match, la stampa si scatenava, e poi in albergo visionava la partita dove giocava il vero obiettivo di mercato. Forse Conte ci smentirà e domani seguirà l’Olanda, ma le notizie che provengono dall’estero fanno sognare i tifosi bianconeri.

Advertisment

Il padre di Robin Van Persie si è sbilanciato: “Mio figlio non andrà in Spagna e non andrà al City“. Crediamoci. E se ci crediamo allora vuol dire che tiriamo via dalla rosa delle candidate un paio di avversari di mercato temibili: il Real, il Barcelona, il ManCity appunto.

Dando credito a questa dichiarazione, visto quanto conta la famiglia per il ragazzo dell’Arsenal, prende sempre più forza quell’ipotesi che vuole il ragazzo stregato dalle parole di Marotta. Per Van Persie a Torino è pronto un ruolo da protagonista assoluto, da stella della rosa, da faro della squadra. Numero 10 assicurata e prima scelta tecnica in campo.

La Juve ha recuperato in fretta il vecchio fascino e il mercato dei grandi giocatori non fa più paura. Inoltre Marotta ci sembra davvero determinato a recitare un ruolo di forza in campo italiano (leggi Isla e Asamoah e l’affare Verratti) ed estero. Da superare c’è il fascino dei soldi. Tipo il faraonico ingaggio che Mancini può garantire all’olandese. In tal senso stiamo ancora con Marotta: la Juve fa il prezzo, la Juve ha fatto un’offerta importante al ragazzo, ora tocca a Van Persie convincersi che la Juve è la scelta migliore.

Advertisment

Euro 2012, si parte!

Ci siamo: oggi alle 18 ci sarà la gara inaugurale di Euro 2012, e come tradizione insegna, sarà la Polonia, paese ospitante insieme all’Ucraina, a dare il calcio d’inizio alla manifestazione continentale, affrontando la Grecia del ct Santos. Siamo alla quattordicesima edizione della competizione europea, la terza organizzata in coabitazione da due paesi, dopo Belgio-Olanda del 2000, e Svizzera-Austria del 2008.

Advertisment

Come al solito, da un punto di vista delle squadre favorite, i nomi sono i soliti: Spagna campione in carica, Germania che arriva sempre al piazzamento, Olanda che ha tanta qualità. Un gradino più in basso per Italia, Francia e Inghilterra. Gli azzurri, falcidiati da scommessopoli e infortuni a catena, i galletti senza tanti campioni e in fase di transizione, gli inglesi che hanno cambiato allenatore dopo la gestione Capello. In mezzo qualche outsider, come il Portogallo che si ritrova nel girone di ferro con Germania e Olanda.

Advertisment

Polonia chiamata quest’oggi già a dare soddisfazioni al suo pubblico: il ct Smuda punta forte sul trio del Borussia Dortmund, Lewandowski-Blaszczykowski-Piszcek. I tre si sono distinti nella vittoria della Bundesliga: Piszcek è stato il miglior terzino destro della Bundes, insieme a Lahm del Bayern; Blaszczykowski si è distinto come ala, tanto da essere soprannominato il Beckham polacco; Lewandowski è il punto di forza, ha segnato con una certa regolarità dal 2010, anno in cui ha vinto la classifica cannonieri in Germania, con 18 reti.

Polonia che giocherà col 4-2-3-1, squadra votata all’attacco, tutta da vedere. Di fronte la Grecia, che per tradizione non è mai stata l’emblema del calcio spettacolo, anzi: se fa gol, difesa a oltranza. Intanto così ha vinto un europeo nel 2004, sbaragliando ogni pronostico e vincendo la finale contro i padroni di casa del Portogallo. Pronostico quindi tutto a favore dei polacchi. Appuntamento oggi, dalle 18!

Advertisment