Menu Chiudi

Tag: mandzukic (pagina 1 di 2)

Juventus: recuperare tutto, recuperare tutti

Dare di più, con voglia e spirito di sacrificio. Solo questo manca in questa stagione che sta mostrando grossi limiti di atteggiamento, vuoi per pancia indubbiamente piena, vuoi per motivazioni che possono anche mancare.

Advertisment

Vuoi anche perché, alla fine, due nozioni di tattica calcistica le sappiamo pure noi. Se all’atteggiamento si può supplire con un condottiero (Allegri lo e davvero?), alla tattica di supplisce con la tattica.

I due a centrocampo sono la debolezza sistemica più pericolosa di questa Juve. Non li reggiamo. Siamo a novembre e questo appare chiaro, tanto poi quando si analizzano le partite. Non li reggiamo. Punto.

Advertisment

Per questo è stato comprato Matuidi, in attesa del rientro di Marchisio (poi rotto anche lui). Più corsa, probabile poi 4-3-3, probabile nuovi innesti sulle fasce come Douglas Costa e Bernardeschi.

Se l’italiano deve dimostrare molto, il brasiliano non deve dimostrare nulla, se non il pieno adattamento alle idee dell’allenatore. Ma se non gioca… sarà difficile dimostrare ciò. Tanto più che poi il suo ingresso riesce comunque a rompere il ritmo e fornire nuove soluzioni. Intestardimento di Allegri francamente incomprensibile, alla luce delle scelte che sembrano quasi di inerzia: 4-2-3-1 e Mandzukic in campo.

Recuperare tutto, recuperare tutti, visto che è palese la sensazione di sciupare due fenomeni come Dybala e Higuain poco valorizzati da manovra e occasioni. Nell’anno più allenante: quello del VAR a targhe alterne.

Advertisment

Udinese – Juventus 2 – 6 /aVARiato

La migliore fotografia del match è la dichiarazione finale di Allegri: “Ho ringraziato Mandzukic perché ci serviva una partita di sofferenza, e quindi ha fatto bene a buttarsi fuori, tanto lo avrei tenuto fuori mercoledì”. Diretto. Conciso. Ironico. Sagace.

Advertisment

La partita va letta evidentemente sulla base di un #VAR che proprio non vuole funzionare a dovere quando c’è di mezzo la Juventus. E cominciamo da qui, altrimenti rischieremmo di ignorare quello che per me è un problema plastico di questo campionato.

Un rigore chiaro su Mandzukic (chiaro: poi deve essere trasformato) diventa un rosso assurdo al croato che certamente non meritava il primo giallo, mentre il secondo sì. Ora la domanda è la seguente: perché il #VAR non è intervenuto per segnalare il fallo di rigore? Con l’Atalanta si è andati a rivedere perfino il campionato 72/73 per cercare un fallo, mentre col Genoa e con l’Udinese si evita la rivisitazione delle immagini. Accade lo stesso sul fuorigioco di Higuain (poi gol di Dybala) che va annulla il ragionamento sul gol di Danilo. Ci sarebbe invece un rigore di Alex Sandro, ma a quel punto VAR e AVAR avranno pensato che sarebbe stato fin troppo esplicito segnalare l’episodio.

Advertisment

Detto questo, altre parole importanti sono quelle di Buffon che spalma miele su Rugani (qualcuno dovrebbe prima o poi mostrare le statistiche della Juve con Daniele e quelle senza Daniele) e su Higuain. Il Pipita è forse il simbolo del match di domenica pomeriggio: tanta tanta dedizione. Certo è mancato il gol, ma questa Juve ne ha già messi a segno 27 (non accadeva dagli anni ’50) e può perfino fare a meno del suo bomber d’elezione, con il pallone che se lo porta a casa addirittura Khedira.

In generale, non si ha menzione di una squadra che in 10 subisce il pareggio all’inizio della ripresa, e poi si abbatte con uno tsunami fino a segnarne 4. Rischiando in difesa, ma quest’anno va così, con la strana sensazione che la regola è quella di segnarne uno in più degli avversari. In barba al “regolamento” che vince chi incassa meno gol. Più europeo come pensiero. Forse. Chissà.

In ogni caso è una Juve che in mezzo balla per la scarsa condizione fisica dei suoi uomini, incapaci di proteggere la difesa, e che fino a qui ha mostrato gambe pesanti e ogni tanto testa confusa. Chiellini ha intonato la legge del diesel, rimembrando come gli altri anni la partenza sia stata simile come qualità e perplessità suscitate. Nel senso: abbiate pazienza, cari tifosi, la vera Juve non è stata ancora mostrata. Anche perché va in campo ancora quella vecchia, con il mercato tenuto gelosamente in panchina e utilizzato solo nei minuti finali.

Senza sosta verso il turno infrasettimanale, e poi l’importante scontro di sabato sera in cerca di nuovi equilibri. Qualcuno voleva spostarli, altri ne sperimentano di diversi. Il destino.

Advertisment

Bene Shick, ma evitiamo Shock

Una delle grandi sorprese dello scorso campionato è sicuramente Patrick Shick, l’attaccante multiforma ceco che ha mostrato colpi da fuoriclasse e grande concretezza sotto porta.

Advertisment

Ma è da evitare Shock sul prosieguo del calciomercato, sia intendendo possibili dolorose cessioni, sia intendendo errori in ingresso.

Cominciamo dal ceco, probabile prossimo nuovo numero 11, visto che il ragazzo ha espresso ferma volontà di giocarsi le carte sin da subito. Allegri se lo ritroverà nel precampionato e dovrà valutarne le qualità: la Juve avrebbe voluto lasciarlo un altro anno in prestito a Genova.

D’altro canto, occorre riflettere bene prima di acquistare. Dal gigante del Siviglia ai gioielli del Monaco, è fondamentale capire cosa ci serve, e con che livello di esperienza. Senza troppo riflettere sul secondo tempo di Cardiff che rischia di portare fuori strada.

Advertisment

Nel calcio moderno la fisicità è importante. Insieme a questa serve tanta tecnica ed esperienza. Se in Italia la Juve è già super-attrezzata, in Europa occorre soprattutto l’esperienza.

Di conseguenza, la sensazione è che Allegri abbia trovato un gran bel modulo che riesce ad esaltare le qualità tecniche dei migliori piedi che abbiamo, ma dobbiamo gestire meglio le risorse fisiche e quindi avere migliori ricambi. Evidentemente, la fascia sinistra intera merita particolare attenzione: un vice Alex Sandro che non può essere Asamoah, e un vice Mandzukic che possa essere anche più specialista in quel ruolo delicato. Più un vice Higuain che possa dare respiro all’argentino, oltre che possa avere soluzioni differenti che Gonzalo non ha.

In mezzo al campo, Khedira e Pjanic possono attualmente vantare in Marchisio un valido sostituto, ma Lemina non ha convinto e quindi qui bisogna fortemente intervenire: fisico e fosforo, polmoni e piedi buoni.

In Paratici we trust, così la schiera dei giovanotti da far crescere e da allevare è sempre qualitativamente elevata. Rugani e Caldara, Bentancur e Spinazzola, Orsolini e Favilli.

Advertisment

Napoli – Juventus 1 -1 / Obiettivo non prenderle?

Problema fisico evidente, ma anche la mentalità non aiuta. Non prenderle non è un metodo che fa crescere.

Advertisment

Scelta di Allegri, o scelta concordata con i ragazzi che hanno il termometro (delle gambe) assolutamente chiaro.

Comunque sia, la cosa preoccupa. Perché se è vero che i campionati si vincono in primavera, beh la Juve sembra impreparata. Sembra, perché può essere una tattica psicologica quella di apparire, non essere.

Advertisment

Domani sera il Napoli, poi il Chievo sabato, e poi senza respiro verso l’andata col Barcelona in casa.

Senza respiro e con qualche dubbio: Mandzukic ce la farà? A che punto è Dybala? Ma Alex Sandro si è solo riposato? E Marchisio non riesce davvero a giocarne due di fila o una intera?

Al netto di tutto, c’è da concludere con una osservazione lapalissiana: la peggior Juve ha pareggiato col miglior Napoli senza praticamente giocarla. Così, giusto per ristabilire alcuni equilibri di giudizio.

Advertisment

Juventus – Atalanta 3 -0 / Alla fine il calcio è semplice

Alla fine il calcio è semplice. Chi ha più corsa e voglia, abbinate a tecnica e idee, vince. Spesso. È accaduto in Juventus-Atalanta dove gli strascichi di Genova hanno finito per pesare più per Gasperini.

Advertisment

Primo appunto: il bravissimo tecnico ex allenatore delle giovanili bianconere deve avere subito qualcosa in passato per aver questo atteggiamento arrogante alla fine di ogni match con la Juve. Bisogna scoprirlo.

Rabbia, corsa, dedizione. Così la qualità viene fuori. Al di là della prova sublime di Mandzukic (difficile rinunciare a uno così), la prova del 9 è Pjanic che con questo sistema di gioco ha più fiato per fare le cose che contano, senza rincorrere avversari come un qualunque Sturaro. Allegri deve mettersi in testa che il bosniaco va salvaguardato tatticamente, pena giocare con un in meno.

Advertisment

Il castello del 3-5-2 sta crollando. Senza il tuttofare Dybala la Juve ha necessità di trovare altri abiti. Con Marchisio sempre in campo, perché il fosforo serve. Eccome se serve.

A farne le spese Higuain. Più lontano dalla porta e quindi con rare occasioni di firmare il tabellino dei marcatori, ma sono dettagli (come quello che lo vuole in rete con Dybala a fianco). Firma che invece Rugani ha di nuovo messo. Il giovanotto non ha fatto rimpiangere la BB (Chiellini era in campo) ed è tempo di concedergli fiducia.

Ultimo appunto: bene lo stadio, finalmente bolgia. Non siamo mica a teatro. Questo è calcio. È il calcio è semplice. Chi ha più corsa e voglia, abbinate a tecnica e idee, vince.

Advertisment

Juventus – Udinese 2 – 1 / Vincere anche quando non meriti

Vincere partite dove hai giocato male e meriteresti di pareggiare non ha prezzo.

Advertisment

È successo ancora una volta, ieri sera, contro un Udinese coraggiosa. Oltre Dybala, nulla da ricordare. Con due perle, il ragazzo con la faccia da bravo bimbo ha risolto un match che poteva creare non pochi problemi.

Non funziona l’esperimento del doppio play, perché né Hernanes né Lemina lo sono. Non funziona un Alex Sandro spaesato a fare da mezz’ala, visto che è uno dei degli esterni più forti del campionato. Non funziona nemmeno Mandzukic che a 4 metri dalla porta vuota spara alto di tibia.

Advertisment

Allegri si diverte a mescolare così tanto le carte ch in vieni da pensare che si stia compilicando la vita da solo, in attesa di avversari probanti. Ma il rischio enorme di smarrire identità e di non trovare equilibri e solidità non è da correre.

Il 3-5-2 sembra l’isola felice, con automatismi impressionanti, anche se gli interpreti attuali, a centrocampo, non sarebbero i migliori. Benatia pare giocare nella Juve da sempre e tranquillizza sulla precarietà di Chiellini, in attesa di Rugani. Ma bisogna inventarsi qualcosa, se mancano Pjanic, Khedira e Marchisio.

E nel pomeriggio dove la Roma vince, ma non convince del tutto, e il Napoli conta fatturati e si lamenta dell’orario (alle ore 15 il fischio di inizio), resta un fatto: vincere partite dove hai giocato male e meriteresti di pareggiare non ha prezzo.

Advertisment

Juventus – Fiorentina / Sesta vittoria e vetta vicina

Sesta vittoria consecutiva. 18 punti su 18 per scalare la classifica fino al quarto posto. Quasi rientrati, come nei programmi di un Allegri che ha sorpreso ancora una volta tutti.

Advertisment

Mancano due punti al secondo posto, appena 6 per il primato. Ma la cosa più importante è il modo in cui è avvenuta questa rincorsa.

Advertisment

In tre punti:

  1. difesa blindata, col solito 3-5-2 che la squadra conosce a memoria e probabilmente garantisce maggior sicurezza. I continui cambi tattici di inizio avevano reso il gruppo un po’ più debole;
  2. crescita poderosa di Mandzukic, che oltre ai gol è autore di prove di forza in un reparto che ha più sofferto l’assenza di Un campionissimo come Tevez;
  3. esplosione di Dybala, che nei numeri è in realtà come Tevez, e come Tevez è sempre più decisivo. Numeri, assist, gol: repertorio da futuro campione, ma già oggi è tanta roba.

Ciò che è da sistemare è il centrocampo dove Marchisio ancora stenta, Khedira è più fuori che dentro (tranne che sarebbe davvero fondamentale per esperienza e sostanza), e Pogba alterna atteggiamenti di indisponenza a giocate da fuoriclasse. Mentre all’ottimo inserimento di Cuadrado si contrappone la depressione offensiva di Morata. Sfide, più che problemi.

La vetta è li. Manca davvero poco.

Advertisment

Palermo – Juventus 0 – 3 / Vincere è l’unica cosa che conta

Evra che non difende, Cuadrado che non attacca. Mandzukic che non aggredisce l’area, Dybala che ne resta lontanissimo.

Advertisment

È la sintesi di un primo tempo problematico, con Allegri che sembra sbagliare tutte le formazioni iniziali.

La cosa preoccupante è il continuo saltare di modulo in modulo. Nel 3-5-2 Cuadrado è depotenziato, Dybala lasciato troppo solo, e il centrocampo incapace di trovare l’inserimento corretto.

Advertisment

Cambia tutto nel secondo tempo. Juve più tonica, più ordinata, con un Palermo che comincia ad accusare un po’ fatica.

Cambia sopratutto l’atteggiamento: Evra scaraventa palloni, Cuadrado comincia a saltare l’uomo, Mandzukic si butta in area. E nasce il gol del vantaggio, con Dybala a pennellare dall’esterno una palla finalmente efficace. Secondo gol consecutivo del croato.

Poi la Juve si scioglie, anche perché il Palermo non emerge. Sturaro timbra un 2-0 che in realtà è la prima vera azione-squadra, senza egoismi. Quindi Zaza si toglie una soddisfazione personale, servito da un Morata che ha alzato per la prima volta la testa.

Non tutto è risolto, ma adesso ci sono timidi segnali di un gruppo compatto (forse troppo giovane, il che vuol dire poco esperto) e di continuità di risultati. Come a dire che vincere è l’unica cosa che conta.

Advertisment

Juve: da innaMORATA a smeMORATA?

Domani c’è il Palermo. Occhi puntati su Dybala, per questioni affettive. Occhi puntati pure su Mandzukic, per capire se la partita col Manchester è un inizio o un episodio.

Advertisment

Significa che i riflettori su Morata si sono spenti. O quasi. Dalla quotidiana domanda “ma il Real eserciterà la clausola di recompra?” al dubbio insinuato “ma Morata tornerebbe volentieri al Real?”. L’unico dato certo è che, modulo o non modulo, il ragazzo è in un periodo no.

Advertisment

Lontano dalla porta, poco campo, scarsa efficacia di realizzazione. Che è successo al ragazzo d’oro che nella prima parte del 2015 aveva letteralmente scalato le gerarchie dell’attacco bianconero?

Recuperare Mandzukic sarebbe perfetto, ma recuperare Morata sarebbe l’ideale, anche solo per ragioni di prospettiva.

La sensazione è che però si sia incrinato il rapporto fra l’attaccante spagnolo e il tecnico livornese. Anche l’ultima dichiarazione del tecnico appare come un messaggio, per nulla velato, a certi atteggiamenti del ragazzo che francamente non conosciamo. E francamente tutto andrebbe risolto per il meglio, alla svelta.

Advertisment

Juventus – Manchester City 1 – 0 / Qualificati e soddisfatti

Un paio di appunti al volo sulla qualificazione agli ottavi con un turno d’anticipo (non accadeva da molti anni, ormai).

Advertisment

La squadra si sente più a suo agio (stimolata?) in Europa rispetto al campionato. Problemi di stimoli. Certo è che si vede tutt’altra cattiveria e concentrazione (Marchisio a parte).

La percentuale realizzativa è a dir poco imbarazzante, ma fa da contraltare al numero di occasioni create. Per la serie “prima o poi ne veniamo fuori e cominceremo a segnare a raffica” (almeno si spera). Si è sbloccato Mandzukic (quinto gol stagionale, già dietro ai ritmi da goleador di Vidal), si è inceppato Morata.

Advertisment

Il centrocampo è tornato a macinare gioco ed energia. Con un Pogba finalmente autoritario (anche se spesso distratto) e uno Sturaro ritrovato. Considerando che mancavano Khedira, Pereyra e Asamoah, pare che un reparto l’abbiamo risistemato.

Buffon e la difesa tengono. Più che tengono, hanno proprio annullato centinaia di milioni di euro di investimenti. Giusto un paio di spaventi, nati peraltro da carenza di attenzione. E poi quella fortuna-sfortuna che in qualche modo si bilancia.

La migliore sorpresa è Alex Sandro. Corre come un motorino, dribbla come Tomba, scodella in area palloni che Trezeguet ha sempre sognato in carriera. Terzo assist decisivo nelle ultime partite. 26 milioni… ben spesi.

E ora dritti al campionato dove la rimonta più che possibile… è goduriosa.

Advertisment