Ci avevo creduto. Lo ammetto. E avevo pronto un pezzo su questa storia così assurda, da sembrare italiana. E difatti lo è.

Advertisment

Oggi Palazzi va da Moratti, e non sto sbagliando ruoli. E’ proprio il procuratore che si presenterà a casa Moratti. Tra vin santo e cantuccini e una tazza di caffé parleranno del più e del meno (come peraltro Nucini con la Boccassini, pare!) e non si capisce bene chi dei due porrà le domande. A giocare il ruolo di direttore dei lavori dovrebbe essere Palazzi e mi fa sorridere che molti tifosi bianconeri diano speranza a questo incontro. Palazzi che da 4 anni prende ordini, oggi dovrebbe redimersi e chiedere spiegazioni sulla truffa più incredibile della storia del calcio?

Suvvia, un po’ di realismo. Perfino la Cazzetta-Rosa ha azzardato una ipotesi che sarebbe salvifica e ha tirato in trappola un sacco di lettori (oggi al bar alcuni avevano le bocche cucite). Per bocca del Direttore Monti la Cazzetta-Rosa ha di fatto anticipato la chiusura di questa vicenda, un po’ come quando mandò in B la Juve prima ancora della sentenza. Strano no? Competenza? No, semplicemente complicità e colpevolezza esplicita!

Advertisment

Comunque, ecco le parole magiche: lo scudetto verrà tirato via dalle maglie nerazzurre e probabilmente riconsegnato alla Juve. Su quest’ultimo punto nascerebbero dubbi incredibili però: riconsegnare lo scudetto a una squadra distrutta e mandata all’inferno? No, quindi quel campionato resterà senza un padrone. Anche se non esistono prove che dimostrerebbero l’irregolarità. Anzi, più si è interrogato e indagato, più si sono trovate testimonianze di senso contrario. Altro dettaglio taciuto, insabbiato. Almeno sulla carta perché la memoria narra di un Capello trionfatore, con i vari Buffon, Cannavaro, Thuram, Emerson, Nedved, Camoranesi, Zambrotta, Del Piero, Trezeguet e Ibrahimovic. Lo scudetto tolto, per cause strettamente etiche, sarà una purificazione dell’incidente chiamato Calciopoli.

Ci siamo sbagliati, scusate, ma non si può tornare indietro. La Juve è stata distrutta, i campionati falsati, una squadra si è avvantaggiata illecitamente e ha truffato gli investitori, ma niente. Un piccolo errore.

Già perché la squadra di Moratti, che è parte lesa secondo quel genio di Monti e quella bravissima persona di Galdi che continua a firmare articoli su un argomento che lo vedrebbe imputato, è la vittima in questo caso. E la convocazione di Moratti (cioè è Moratti che a Milano oggi convoca Palazzi, ma in un paese normale dovrebbe essere l’esatto contrario) è ridicola. Lui non deve spiegare nulla.

L’unica novità che si registra è che alla Cazzetta-Rosa si sono accorti del Processo di Napoli, notando che i PM hanno inanellato una sconfitta dietro l’altra. Ma non confondiamoci: la Triade era il diavolo, mentre Facchetti e Moratti sono un’altra cosa. Ah ecco, grazie per la segnalazione. Alla Cazzetta-Rosa non si sono però accorti che le prove finalmente ci sono e sono tutte contro la Seconda e la Prima Squadra di Milano. In 173.000 telefonate esistono tanti documenti che proverebbero gli illeciti comportamenti di Moratti e Galliani. Ma… porca miseria sono sfuggite quattro anni fa e purtroppo incombe la prescrizione. O comunque, come si fa adesso ad aprire un procedimento disciplinare contro questi galantuomini? In fondo siamo in Italia: la merda resta sempre a galla, sono le altre persone che sprofondano sempre di più. Viva l’Italia!!!

Advertisment