Menu Chiudi

Tag: moratti (pagina 1 di 16)

Calciopoli, Lepore: “Se non fossero uscite le intercettazioni avremmo incastrato l’Inter”

Ha parlato Lepore, una delle figure più ambigue di Farsopoli. E’ stato in buona compagnia, ma ha lanciato una bomba: “Se non fossero uscite le intercettazioni avremmo incastrato l’Inter”.

Advertisment

Traduzione: se qualcuno non avesse occultato tutte le intercettazioni, avrebbero ovviamente preso in considerazione la posizione dell’Inter.

Un riepilogo flash: l’unico articolo 6, che vale l’illecito sportivo, è a carico di Facchetti, allora Presidente dell’Inter. Per la Juve solo tre aritcoli 1 che poi, in modo assurdo e vergognoso, vennero fatti passare come articolo 6. Equivale a dire: non hai pagato tre multe? Va beh, ti mando a processo per un omicidio e va bene così.

Parla Lepore e siamo curiosi di capire che tipo di risonanza avrà. Ha parlato a una di quelle tv locali che servono solo a far divertire, ma queste dichiarazioni meriterebbero approfondimenti.

Advertisment

Al di là di una dignità intellettuale che in pochi hanno dimostrato in questi anni.

Pazienza.

Sappiamo benissimo come sono andate le cose. E gente come De Sanctis o Moratti rappresenta solo l’orgoglio di aver sfuggito la morte e di essere tornati vivi come non mai.

Tiè!

Advertisment

Moratti rifiuta l’incarico di Presidente Onorario… ovviamente!

Presidente Onorario, cioè qualcuno in grado di rilevare e rappresentare con onore la carica di Presidente. Ovviamente… Moratti ha rifiutato.

Advertisment

Purtroppo leggeremo di un grande uomo, di una persona eccezionale, di un grande stratega, di una persona per bene e tante altre vigliaccherie di questo tipo. Tutto falso, anche perché la grancassa di chi scrive non agisce di testa, né di cuore, ma di portafogli e lo stipendio ti fa anche scrivere ciò che non pensi. Accade così in Italia.

Moratti molla, e con lui tutta la Holding di famiglia, quell’Internazionale Holding Srl che meriterebbe approfondimenti fiscali, ma figurati se c’è tempo e voglia. Meglio far le pulci al bilancio bianconero, per esempio.

Ma chi è Moratti? E perché la sua carriera di Presidente non è mai stata al Massimo, tranne per la voce debiti?

Advertisment

Arrivato nel ’95 sulle ombre di papà, convinto che bastassero i soldi a sfondare nel calcio, in 18 anni ha versato nelle casse più di 1200 milioni di euro, ricavandone solo la mega truffa passata alla storia come Farsopoli, o Calciopoli che dir si voglia. Prima di Farsopoli un elenco sterminato di gaffe, dimostrazioni di debolezza, scarsa capacità di management, zero idee.

Dai flop di calciomercato allo sperpero di denaro, unito a risultati umilianti in Coppa e in Campionato, salvo solo alcuni anni in cui Ronaldo ha saputo vincere quasi da solo una Coppa UEFA.

Dagli anni 2000 in poi, Moratti si è convertito alla forza oscura della forza: bilanci truccati, di cui si sa tutto, ma nessuno racconta, e poi gli illeciti combinati insieme alle strutture in mano a Tronchetti Provera, esplosi poi in Calciopoli.

Oggi molla, avendo lasciato in mano a Thohir situazioni disastrose. E va via salutato come un vincente.

La fotografia perfetta di una Italia che ha ormai terminato ogni forma di oggettività e di dignità intellettuale.

Advertisment

E’ il calcio che avete costruito. E adesso ve lo tenete

Più di un velo di tristezza, ma è il calcio che avete costruito. Sono metodi e sensazioni che si leggono ogni giorno sui giornali. Sono le strumentalizzazioni ad aver vinto. Sempre e comunque. E poi via a festeggiare, mentre gli altri sono pronti con la lista dei colpevoli. In quella lista nessuno infila se stesso.

Advertisment

E’ il calcio che avete costruito con le moviole sui falli laterali invertiti, invece che le moviole sulle azioni più spettacolari.

E’ il calcio che avete costruito con le polemiche costruite ad arte nel tentativo di fare più rumore, di vendere più copie.

E’ il calcio che avete costruito con le storielle raccontate a un paese credulone, perché la linea editoriale la dettano i gruppi forti dietro alcune società.

E’ il calcio che avete costruito con le analisi di leccaculo e ipocriti travestiti da esperti, funzionali a un gioco al massacro che ha prodotto più di un danno al nostro calcio italiano. Perchè il ranking è qualcosa che parte da lontano, esattamente dal 2006, guarda caso.

E’ il calcio dove Moratti viene continuamente messo accanto ad aggettivi quali “signore”, “galantuomo”. Dove Galliani è il più bravo-punto-e-basta. Dove Pulvirenti e Cellino sono decisori in Lega. Loro decidono, il calcio italiano intanto sprofonda.

Advertisment

E’ il calcio dove Adriano è Imperatore, Balotelli migliore al mondo, Pistocchi commentatore, Paparesta moviolista, Icardi autentico idolo. Quindi Genny ‘a Carogna è perfetto come capo ultras.

E’ il calcio dove scopri dopo anni che l’unica cosa taroccata è la moviola nel famigerato gol de Turone.

E’ il calcio dove la vera Calciopoli non è mai approdata in TV o sui giornali.

E’ il calcio dove Garcia spara a zero e Conte e gli juventini devono stare muti.

E’ il calcio dove la Finale di Coppa Italia si gioca perché l’ha deciso Genny ‘a Carogna, mentre Renzi & Co. sono comodamente seduti in tribuna, dove Beretta “di questo non parlo” e dove Abete non si vede. Mentre il Napoli, stavolta sì, ritira la medaglia e parte coi festeggiamenti.

In fondo, Genny ‘a Carogna è esattamente il personaggio che ci serviva. Che sta bene nel contesto.

E’ il calcio che voi avete costruito. E adesso ve lo tenete.

Advertisment

Calciopoli: la Gazzetta a capo di tutto

E’ ripartita alla grande la campagna pro Calciopoli. A capo di tutto, come al solito, l’house organ di chi l’antijuventinismo l’ha eletto a propria prima filosofia di vita. Di fatti nemmeno l’ombra.

Advertisment

Escono le motivazioni del secondo grado del Processo Calciopoli e i mitici copy della redazione scelgono con oculatezza le parole da mostrare sulla prima pagina del giornale. Questo accadeva ieri. Oggi, invece, spazio a Moratti che grida al mondo “smascherati i colpevoli”. Onestamente ci arrendiamo: troppo bravi, bravissimi. Tanto quanto la disonestà che praticano ogni giorno.

La verità, l’unica verità, la conosciamo bene. Non ci sono prove, anzi ve ne sono di segno contrario rispetto alle accuse infamanti di quel 2006. Non solo: non esiste la Cupola, come già archiviato nel Processo GEA e già nel primo grado di Calciopoli. Di più: per Moggi e per pochi altri ancora in gioco, le pene si sono sempre più ridotte a causa della demolizione del castello accusatorio.

Non basta.

Advertisment

Le prove sui sorteggi sono piuttosto chiare, ci dispiace ripeterlo: tutto regolare, non è stata avvistata né riconosciuta né provata alcuna irregolarità. Così come le griglie: Moggi ci prova, non le azzecca, mentre altri personaggi e dirigenti riuscivano effettivamente a manovrarle.

Capitolo intercettazioni: in oltre 181 mila files, nemmeno una telefonata che incastra Moggi con un arbitro. Ve ne sono, invece, di un tale Facchetti che chiede, fra le tante telefonate poi ritrovate, di aggiustare una certa statistica con un arbitro (cosa poi effettivamente verificatasi).

Sempre dai dispositivi e dalle sentenze leggiamo di un campionato regolare, quello 2004/2005, e un campionato nemmeno lontanamente sfiorato dalle indagini, quello 2005/2006. Scopriamo invece che i famosi 3 saggi non avevano benedetto per nulla le mosse dell’ex membro del CdA dell’Inter tale Guido Rossi, anzi avevano espresso parere contrario all’assegnazione dello scudetto a una squadra su cui pendevano grossi dubbi.

Ma la cosa più assurda è che in questa faccenda la Juve ne esce sconfitta due volte: per la violenza subita nel corso di Farsopoli, mediatica e a livello di giudizio, e per il fatto di essere stata riconosciuta non colpevole nonostante il sentimento popolare.

L’unico attore a capo di tutto resta la Gazzetta. Ma non pagherà mai le proprie colpe. Esiste proprio per questo, e altri scopi.

Advertisment

Juventus-Inter Ecco perché stasera sono loro i favoriti

Disse un giorno, uno dei più grandi dirigenti del calcio italiano, che il tempo sarebbe stato galantuomo e che tutte le cose sarebbero tornate al loro posto. Sono bastati 5 anni perché tutto tornasse al posto giusto.

Advertisment

Oggi, giorno della sfida Juventus-Inter, le cose sono addirittura migliorate. Per il bene della Juve, ovviamente.

23 punti di distacco, record positivi da una parte, record negativi dall’altra. Affari e affaracci, figurette, lamentele, soldi indonesiani spesi come nell’era felice di Moratti.

Juventus contro Inter è qualcosa di più di una sfida calcistica. Inutile dire il contrario. A Milano si gioisce per Farsopoli, con grande sforzo intellettuale nell’accettare una situazione che loro hanno costruito e a cui credono soltanto loro. A Torino hanno fatto il pieno di orgoglio e si sono ripresi tutto.

Advertisment

Juventus contro Inter è qualcosa di più di una sfida calcistica. E’ lo scontro fra chi usa molto la fantasia e chi pratica l’onestà intellettuale. La fantasia di credere a cupole senza mai fare introspezione, analisi oggettiva della situazione in casa propria. L’onestà (e la pazienza) di dire peste e corna di una gestione societaria, dei Cobolli e dei Blanc, senza attingere a complotti e piani dolosi esterni, e ripartire con grande forza.

Ora ci risiamo. Da una parte si piange. Sconfitte e gravi defezioni tecniche vengono giustificate da arbitri strani, da fischi strani, da qualche piano diabolico contro di loro, senza però spiegarne i motivi congeniti di un tale sistema-contra-nerazzurro. Dall’altra si cerca di parare quanti più colpi: squalifica di Conte, assalto allo Stadium, titoloni di giornali pilotati da direttori tifosi, servizi televisivi ai limiti del ridicolo. Da una parte si inanellano figuracce, dall’altra si scrivono nuove pagine di storia.

Juventus contro Inter è qualcosa di più di una sfida calcistica. E dopo Farsopoli non può essere una semplice sfida calcistica. Hanno violentato la vecchia dirigenza imbastendo un processo farsa smascherato dal Tribunale, nonostante proprio tutto non si potesse più sistemare. Hanno violentato il calcio italiano trasformandolo, per tre anni, in una sorta di torneo aziendale. Tutto, per giustificare anni di cazzate, di mosse sbagliate, di 1000 miliardi buttati in un mercato a tratti ridicolo. Ora son finiti a chiedere aiuto in Indonesia. E l’unica gioia passa da una singola partita del campionato di Serie A.

Ecco perché stasera sono i favoriti.

Advertisment

Brivido Inter: Farsopoli 2 in arrivo?

Le dichiarazioni sono purtroppo simili a quelle che hanno accompagnato i primi 10 anni di vita dell’era Moratti. Quando non sai che succede, allora la colpa è di qualcun altro. Deve essere di qualcun altro.

Advertisment

Nell’ordine, i tifosi nerazzurri stanno cercando di collegare le figuracce di Stramaccioni e Mazzarri con qualche nemico. FIGC? Lega? Juve? Qualche strana confederazione del male che ha preso di mira la terribile corazzata di Mazzarri? La difficoltà è associare il nome di Marotta a qualche oscuro presagio di dolosa operatività illegale. Tradotto: come avrebbe fatto Marotta a costruire la nuova Cupola?

In estate i giornali hanno esaltato il nuovo corso, guidato da Icardi e Belfodil: i nuovi Batistuta e Ibrahimovic, rispettivamente. 9 partite e 2 reti per il primo, 10 presenze e 1 rete per il secondo. Con l’argentino lanciatissimo verso una probabile carriera nel mondo hard.

Advertisment

In difesa Rolando ricorda più il personaggio di Aldo, di Aldo Giovanni e Giacomo, piuttosto che un vero difensore. Mentre i 18 milioni di euro valutati per Ranocchia non trovano riscontro sul campo. Tanto per capire perché la squadra subisce così gli avversari, qualunque avversario, perfino il Trapani.

Il ritardo di 23 punti dalla vetta, già alla prima di ritorno, fa il paio con l’eliminazione dalla Coppa Italia. Gli arbitraggi sono la perfetta giustificazione all’assenza di controllo e di progetto. Comandano sempre gli argentini nello spogliatoio, mentre a livello societario bisogna capire solo se le decisioni vengono prese a dadi o a carte.

L’unico aspetto positivo è la cessione delle quote all’indonesiano che, a questo punto, si starà facendo parecchie domande su cosa abbia effettivamente acquistato, a parte i debiti e problemi in quantità industriale.

Alcuni anni fa, la pratica “delusione” venne risolta inscenando Calciopoli. Adesso che si inventeranno?

Advertisment

La storia dell’Inter, fra illeciti e illegalità: benvenuto Thohir

E’ il giorno di Thohir a San Siro. L’indonesiano riceverà il saluto dello stadio. Il nuovo proprietario dell’Inter potrà così toccare con mano i grandi risultati di questa storica società, che qui riassumiamo in breve:

Advertisment

- i passaporti falsi di Recoba

- la prescrizione dell’illecito sportivo di Facchetti

- le plusvalenze false per iscriversi al campionato 2005/2006

- lo scudetto di cartone

- i pedinamenti fatti a Vieri

- le intercettazioni illegali (nascondendo le proprie)

- il falso in bilancio

- il doping di Herrera degli anni 60

- i trasferimenti irregolari di Milito e Motta

Advertisment

- la retrocessione del 1921

- l’arbitro “comprato” per Lione-inter del 98

- il motorino lanciato dalla curva nel 2001

- la positività all’antidoping di Kallon

- i petardi lanciati in testa a Dida

- il doppio contratto firmato da Stankovic

- la finale scudetto contro la Pro Vercelli

- le 99 partite senza rigori contro

- i 6 giocatori in fuorigioco a Siena

- Guido Rossi, Auricchio, Narducci,la gazzetta dello sport

Benvenuto caro Thohir. Difficile essere all’altezza, ma siamo sicuri ti insegneranno la giusta via.

Advertisment

Agnelli e Jakartone? Altro che battuta

Stamattina, ma già ieri sera, tutti scatenati contro Agnelli. Nonostante a Moratti fosse stata consegnata prima (e pare ci abbia riso su), la battuta di Agnelli è il miglior pretesto per andare giù duro contro la Juve.

Advertisment

Stamattina l’house organ Gazzetta dello Sport ha dedicato le prime tre pagine alla vicenda. Il nuovo Papa ne ebbe solo 2 di fogli rosa. Indizio più che sufficiente per capire che Agnelli ha toccato un nervo scoperto.

Che poi di battuta non si tratta affatto. Il cartone l’Inter lo ha conquistato fuori dal campo, con un’operazione degna dei libri di Le Carré. Un gioco di spie, un gioco sporco, fra un Guido Rossi eletto a capo supremo del calcio italiano, appena dimissionario dal CdA nerazzurro, e fra un Palazzi che doveva architettare regole non previste dal Codice di Giustizia Sportiva. Senza contare le strane storie sui bilanci taroccati e sul marchio Inter. Storie che conosciamo benissimo, ma che l’onesta stampa locale non ha mai raccontato.

Advertisment

Agnelli, alla lettura di alcuni sproloqui sull’onestà di Moratti, ha sbottato. Semplicemente, normalmente, come si conviene fra gente che ha dovuto faticare per riportare in alto una storia e un marchio reso vittima dell’imbecille goduria italiana nel tormentare la Juve.

Una semplice battuta che racconta una triste storia italiana. Che racconta di un articolo 6 mascherato per 6 lunghi anni e oggi prescritto. L’unico illecito di Calciopoli è a firma Moratti, nascostosi dietro Facchetti.

Carta, cartone e merda. Non è una battuta: sono fatti, finalmente accertati dal Tribunale.

Advertisment

La nemesi per l’Inter di Moratti

Per Massimo Moratti e la sua Inter è giunta l’ora della nemesi.

Advertisment

Nel 1995, praticamente in concomitanza dell’approdo di Moggi alla Juventus, Moratti acquista l’Inter e per ben undici (11) anni prova inutilmente a vincere lo scudetto arrivando sempre sistematicamente alle spalle della Juventus di Moggi.

95-96 scudetto Milan                           – 11 dalla Juventus

96-97 scudetto Juventus                    -6 dalla Juventus

97-98 scudetto Juventus                    -5 dalla Juventus

98-99 scudetto Milan                           -8 dalla Juventus

99-00 scudetto Lazio                            -13 dalla Juventus

00-01 scudetto Roma                           -22 dalla Juventus

01-02 scudetto Juventus                    -2 dalla Juventus

02-03 scudetto Juventus                    -7 dalla Juventus

03-04 scudetto Milan                           -6 dalla Juventus

04-05 scudetto Juventus                    -14 dalla Juventus

05-06 scudetto Juventus                    -15 dalla Juventus

Moratti acquista di tutto e di più spendendo centinaia e centinaia di miliardi di vecchie lire: Zanetti, Roberto Carlos, Ince, Djorkaeff, Winter, Zamorano, Cruz, Simeone, Ronaldo, Recoba, Pirlo, Baggio, Peruzzi, Blanc, Jugovic, Di Biagio, Vieri, Cordoba, Seedorf, Mutu, Adriano,Toldo, Materazzi, Cannavaro, Almeyda, Crespo, Batistuta, Stankovic, Mihajlovic, Veron, Cambiasso, Davids, Julio Cesar, Samuel, Figo, Pizarro, Solari.

Cerca di acquistare anche Luciano Moggi, ma non ci riesce.

Non si rassegna alle proprie incapacità ed allora organizza con la Telecom di Tronchetti Provera la Farsopoli delle intercettazioni (dove vengono nascoste le sue telefonate e quelle del suo Presidente Facchetti) per distruggere Moggi e la Juventus. Si fa aiutare dal suo amico Guido Rossi ed approfitta delle guerre intestine al gruppo Agnelli dove John Elkann, Franzo Grande Stevens e Gabetti nulla fanno per difendere Moggi e Giraudo, uomini fidati del defunto Umberto Agnelli, padre di Andrea.

Advertisment

Addirittura i suoi contatti con Cobolli Gigli e Blanc (messi da Elkann a sostituire di fatto Giraudo e Moggi) sono tali da riuscire a farsi dare dalla Juventus, da lui fatta retrocedere in serie B, Ibrahimovic e Vieira.

Mentre la Juventus risale dalla serie B e cerca inutilmente la sua identità, Moratti stravince facilmente campionati fasulli lasciando sistematicamente la Juventus a decine di punti di distacco.

06-07 scudetto Inter                            Juventus in serie B

07-08 scudetto Inter                            +13 sulla Juventus

08-09 scudetto Inter                            +10 sulla Juventus

09-10 scudetto Inter                            +27 sulla Juventus

10-11 scudetto Milan                           +18 sulla Juventus

Senza l’ostacolo Moggi le campagne acquisti dell’Inter diventano perfino facili o addirittura, come già detto, “aiutate”: Ibrahimovic, Vieira, Maicon, Grosso, Chivu, Muntari, Lucio, Thiago Motta, Sneijder, Milito, Eto’o, Pandev.

Ma il popolo bianconero costringe Elkann a cacciare prima Cobolli Gigli e poi Blanc ed a chiamare Andrea Agnelli al capezzale della Juventus.

Dopo un anno sprecato con la scelta di Del Neri, Agnelli affida la squadra ad Antonio Conte.

La Juventus torna regina e l’Inter di Moratti (che nel frattempo acquista Ranocchia, Coutinho, Nagatomo, Pazzini, Alvarez, Forlan, Zarate, Jesus, Guarin, Handanovic, Pereira, Gargano, Palacio, Cassano, Kuzmanovic, Kovacic, Schelotto e Rocchi) torna alla sua consueta mediocrità.

E il fasullo +27 sulla Juventus del 2010 si trasforma in un -26 nel 2012 ed addirittura in un -33 nel 2013.

11-12 scudetto Juventus                    -26 dalla Juventus

12-13 scudetto Juventus                    -33 dalla Juventus

Moggi è stato cancellato dal pianeta calico. Ma, terminato l’effetto Farsopoli, l’Inter è tornata ad essere quella di prima. Anzi è addirittura peggiorata.

È la nemesi.

Advertisment

La perversa sensazione del complotto

Tre giornate a Balotelli, un rigore che non c’era contro l’Inter. Basta questo per alimentare la sana consapevolezza del complotto. Un complotto che esiste solo quando le cose vanno male, solo quando le cose si mettono male. E con una Juve saldamente in testa, col miglior futuro fra le grandi d’Italia, perfino più forte della squalifica insulsa subita da Conte e Alessio, come si fa non gridare al complotto come ultima spiaggia?

Advertisment

Un tentativo pallido e squallido di giustificare i propri limiti, i propri demeriti. Il tentativo perverso di far apparire sporco l’insieme di capacità della nuova Juve. Moratti prima, poi Galliani e Allegri, quindi Pulvirenti che non ha perso occasione per mostrare il peggio dell’imprenditorialità italiana e cioè: meglio dar la colpa ad altri che raccontare la verità.

Advertisment

A Firenze, dopo una serie indiscutibile di vantaggi (chiamiamoli così!) orchestrati per il Milan (perché non sono orchestrati, allora la fortuna ha insistito parecchio con Allegri, anche se il livornese tende a dimenticare), si grida al complotto e Balotelli mette in scena il solito siparietto da ragazzino viziato e montato. Far passare SuperMario per un tipo equilibrato è un oltraggio alla dignità intellettuale. Cosa sia successo, per il resto, non mi frega proprio. Ho ben altro a cui pensare.

“Così aiutano la Juve”. Se possibile vorrei incontrare il Milan con il migliore Sheva, con Van Basten e Gullit, con Baresi e Tassotti in difesa, per poi godere ancora di più. Ma, a parte che troveranno il modo di squalificare qualche bianconero, così va il calcio. Pensa a Cambiasso, caro lettore: un fallo che meritava 3 giornate è stato ridotto a una sorta di piccolo insulto da 1 giornata. In fondo, può essere complotto pure questo, o no?!?

Che poi, e chiudiamo, il vero complotto sembra essere quello sottolineato da Gene Gnocchi: siamo sicuri che questo Stramaccioni ha capacità tali da guidare una squadra verso lo scudetto? Sembra quasi quel famoso Zenga che alla prima col Palermo disse di voler arrivare primo: “c’è qualche regola che mi impedisce di arrivare primo col Palermo?” chiese. Forse sì, una regola: quella del campo. Dura lex, sed lex.

Advertisment