Menu Chiudi

Tag: skysport

Dedicato a De Sanctis e Bergomi: un’Italia in ginocchio

La vogliamo dedicare a loro, principalmente. A loro e a chi dà voce alle loro trombe ormai sfinite, incancrenite da quel sentimento di antijuventinismo che pervade mezza Italia. Un’Italia in ginocchio, piegata in due dal dolore di una parabola malefica quale quella di Pirlo.

Advertisment

La dedichiamo a De Sanctis, la vittoria della Juve contro il Genoa. A De Sanctis e al suo #ersistema. Fino a stasera, e fino a quando non decideranno che è il momento di terminare quel Parma-Roma, sono 17 i punti di vantaggio della Juve. E ieri #ersistema ha colpito ancora. La dedichiamo a lui e a quelli come lui, incapaci di riconoscere il merito altrui, nascondendosi dietro le cazzate da bar portate alla ribalta e solo in Italia poteva succedere.

La dedichiamo pure a Bergomi. Capiamo tutto, dall’essere gufo all’essere parziale, ma accettare scempi come la telecronaca di ieri è troppo. Troppo per chi sta scrivendo pagine di storia memorabili. Troppo per chi crede in un minimo di sportività. SkySport ha fallito. Con quel Bergomi lì a commentare ogni santa partita della Juve. Che andasse a lavorare sul serio, lasciando spazio a giornalisti e commentatori un pelino più seri. Resta la soddisfazione di vederlo invecchiare partita dopo partita. “Fabio, non ce la faccio più a rosicare così!”.

La dedichiamo ai quotidianacci di Milano e Roma. Scopro sempre un nuovo modo di comunicare il lunedì mattina. Se perfino trovano il modo di trasformare la partita di ieri sera come l’ennesima prova arbitrale pro-Juve, allora vuol dire che non hanno più antidoti, né rimedi, né idee. Gli aggettivi, le allusioni, l’accantonare le analisi a poche righe, quelle che difficilmente leggerai. I sommari ponderati, i titoli scelti accuratamente. E poi l’intervista a Preziosi e, stavolta sì, la sparata: “la punizione sul gol loro non c’era”. Pazienza se nella pagina accanto, scritto piccolo, in mezzo a due rigori uguali, ma dei quali viene concesso solo quello al Genoa, c’è scritto chiaro e tondo che quella punizione c’era. Intanto il senso è già passato con quel supertitolo.

Advertisment

La dedichiamo a Pistocchi. Aveva appena finito di bestemmiare su Gigi Buffon, vaneggiando che non para rigori, che continua a respingere palloni senza bloccarli, che la sua carriera vale meno rispetto a Dino Zoff, che… che… che poi Gigi gli spara in faccia il rigore di Calaiò. Proprio mentre Pistocchi sta boccheggiando per il suo Milan sprofondato a -40, tentando di difendere a spada tratta Galliani e chi gli paga lo stipendio. Su dai, un altro anno sta finendo.

La dedichiamo pure a Paparesta. Sarà che l’abbiamo rinchiuso a Reggio, ma la linea editoriale Mediaset è troppo più forte perfino delle immagini. “Se proviamo a farci aiutare dalla linea dell’area di rigore, nonostante il movimento a incrociare dei due corpi, posto che non si fa più riferimento alla luce fra le due figure, allora dobbiamo solo analizzare la distanza fra il tacco dell’ultimo difensore rossoblu e la punta dello scarpino di Osvaldo che sta ricevendo il pallone dal suo compagno. L’incrocio rende difficile la valutazione di questo episodio, perché Osvaldo è lanciato mentre il difensore lascia la sua linea di competenza. L’arbitro di porta poteva farci poco, perciò Mazzoleni si è fidato del suo assistente”. Era regolare. Facile da vedere, facile da capire. Era regolare, caro Paparesta, ormai pronto per Cari Amici Miei: una supercazzola degna della storia comica del cinema italiano.

“Purtroppo sono in dovere di sottolineare i soliti cori contro il Napoli da parte dei supporters bianconeri” dice l’inviato di SportMediaset. Sono le ore 20 e non tutti i supporters bianconeri sono entrati allo stadio, ma lui è comunque in dovere. Poi però scompaiono i replay della gomitata di Gilardino, diventa “forse è in gioco” la posizione di Osvaldo, mentre perfino il commento di Sebino Nela “non me la sento di dire che è rigore” (su Bertolacci-Lichtsteiner) viene trasformato in sentenza contro la Juve. E poi c’è mani e mani. Dovere… di obbedire al padrone.

Ora aspettiamo una grande Juve giovedì sera. Troppo grande la soddisfazione di dare un colpo da ko a questi beoti che stanno uccidendo il calcio italiano. Basta dire che qualcuno sta sponsorizzando Balotelli-Cassano ai Mondiali. E magari, visto che c’è un summit oggi a Milanello, pensiamo pure al modo di liberarci di Marotta e Conte…

Advertisment

Inciviltà, la storia continua: la città di Napoli meriterebbe altro

Quando i tweet dei protagonisti raccontano di sassi scagliati contro il pullman con vetro rotto, di cori e insulti nella nottata sotto l’albergo, di una città bloccata per il passaggio del pullman bianconero assistito a dovere dai supporters avversari, di gomitate e infine di una maglietta inneggiante ai morti dell’Heysel… capisci di essere in Italia.

Advertisment

Napoli: maglietta contro Heysel

Napoli: maglietta contro Heysel

Napoli meriterebbe di meglio. Forse tutti meriteremmo di meglio, tutti indistintamente. Ma se a questo sommiamo la faccia tosta di Mazzarri che parla di rigori a suo favore, di simulazioni avversarie e di nessuna gomitata… allora capisci che oltre a essere in Italia, sei pure nel peggior sistema che il calcio abbia avuto.

Perché poi capita che un qualsiasi direttore di giornale scriva questi:

Advertisment

Complimenti a tutti, specialmente al Direttore. Lo dicono tutti: ma tutti chi? Gli amici al bar? E poi che razza di risposta è quella della scuola di giornalismo? Perché la risposta si ribalta in un attimo: se è quella da cui sono usciti questi qui allora meglio il fai-da-te a casa. Si impara di più, ci si concentra più sugli argomenti e meno sulle vaccate. Per finire al ribaltamento della realtà: la gomitata di Cavani sparisce e arriva la sentenza: rosso per Chiellini (per la testata contro il gomito, evidentemente) e rigore per il Napoli. Mentre su Licht non è rigore: lo dicono tutti.

Finiamo col pullman distrutto.

Pullman Juve assaltato

Pullman Juve assaltato

E quando gentilmente fai notare alla redazione di SkySport che stanno mentendo sul fattaccio dell’Heysel e invia loro la foto direttamente arrivata da un tifoso al San Paolo… ti rispondono che “non accettiamo foto false”.

Ah ecco. Capito perché noi non accettiamo servizi falsi da giornalisti falsi? Welcome in Italia!

Advertisment