Menu Chiudi

Tag: supercoppa

Juventus – Lazio 2 -3 / Male la prima

Clamorosa lettura errata di Allegri che manda in fumo il primo trofeo stagionale. Non che i ragazzi siano esenti da colpe, anzi. Adesso c’è da capire cosa abbia influito fra condizione fisica e condizione mentale. La prima è normale al 13 di agosto, mentre l’altro potrebbe essere un problema da fine ciclo.

Advertisment

Tecnicamente la partita non è giudicabile, visto che la Juve non l’ha giocata. Gambe lente, poco voglia di sacrificio, nessuno spazio creato e centrocampo ceduto strategicamente alla Lazio. Persino la difesa perde valore di giudizio: nessun filtro, resta lo smarrimento generale evidente nel primo e nel terzo gol.

Affidata al colpo dei singoli, i singoli hanno fallito. Juve al tappeto prima ancora di cominciare. Con nessun cambio repentino di Allegri che ha tardato le contromisure. Sbagliandole. Serviva Marchisio per dare sostanza e fosforo al centrocampo, invece è stato bocciato Benatia, con Douglas Costa troppo tardi.

Advertisment

Proprio quest’ultimo è la lieta novella. Rapido, creativo, troppo carico e infatti perde qualche palla per eccesso di foga, ma è una variabile importante per la stagione. Destra o sinistra, anche in alternativa o insieme a Bernardeschi entrato troppo tardi per incidere veramente.

E ora tutti a lavoro. Tanto lavoro. Da aggiustare le distanze fra i reparti, col dubbio che senza condizione fisica questo è un modulo suicida perché crea un buco a centrocampo che consegna strategicamente campo e palla agli avversari, obbligandoci in ripartenze sanguinose. Da valutare un più prudente 4-3-3, dove Pjanic necessita di avere le spalle coperte da altri due colleghi di reparto per impostare e creare, salvo la disponibilità degli attaccanti di farsi vedere e creare linee di passaggio utili.

La prima è da buttare. Sabato comincia un campionato che si prospetta fra i più difficili, dove gli stimoli da ritrovare sono essenzialmente ciò che determinerà successo o sconfitta.

Advertisment

Conte e la Juve multati per dichiarazioni lesive

Si è conclusa la vicenda del deferimento di Conte da parte di Palazzi per le presunti frasi irriguardose nella memorabile conferenza stampa tenuta dal tecnico bianconero dopo la sentenza di secondo grado dello scorso agosto.

Advertisment

I legali di Conte e della Juve si sono accordati con la Procura Federale della Figc e così la Commissione Disciplinare ha inflitto al mister bianconero 25 mila euro di multa, stessa cifra anche alla società per responsabilità oggettiva.

Advertisment

Anche De Laurentis e il Napoli sono stati condannati a pagare 25 mila euro per la pagliacciata della premiazione disertata a Pechino in Supercoppa. Il presidente del Napoli dovrà anche pagare 12 mila euro per i più recenti insulti rivolti ai dei giornalisti a Milano durante una riunione in Lega Calcio.

Qualcuno temeva che la Commissione Disciplinare avrebbe potuto aggiungere una o due giornate di squalifica a Conte traendo come pretesto le “dichiarazioni lesive” ma a questo punto manca davvero un mese al meritato ritorno in panchina del mister.
Di farse ne abbiamo già viste abbastanza ultimamente, non sentivamo proprio il bisogno di aggiungerne un’altra alla lista.

Advertisment