Menu Chiudi

Tag: vierchwood

Drogba alla Juve: gli exit poll dei tifosi

Si è scatenata la corsa al commento. E visto che il calciomercato sarà oggetto di questo blog per almeno i prossimi tre mesi, non ci faremo scappare l’occasione per commentare l’affare Drogba.

Advertisment

Una potenza della natura, con numeri importanti, in una carriera di tutto rispetto. Didier Drogba è sempre stato un attaccante concreto, dal carattere spigoloso, con un cuore enorme donato al club in cui ha militato. Dalla Francia all’Inghilterra, passando per l’Oriente e il rientro in Turchia. E adesso?

Adesso la Juve tenta di ripetere le operazioni che in passato avevano dato ottimi frutti: da Boninsegna ad Altafini, senza dimenticare il grande Pietro Vierchwood comprato per dare certezze a una difesa che tornava nella grande Europa dopo tanti anni. Finì con la Coppa Campioni conquistata ai danni dell’Ajax, con il difensore che aveva da poco compiuto i 37 anni d’età. Più o meno come Drogba, a oggi 36 primavere.

Advertisment

Cabala a parte, il punto cruciale di questo affare è il concetto: via Vucinic e Quagliarella, non riscattato Osvaldo (per cifre impossibili e un punto interrogativo sui suoi mesi bianconeri), confermatissimi Tevez e Llorente, poco monetizzabile Giovinco, in attacco serve un puntero forte, d’esperienza, di peso, in grado di sostituire nei numeri e nei fatti il duo titolare. Uno tipo Drogba.

Se solo accettasse una riduzione dello stipendio e un impiego dettato più dalle esigenze dei titolari. A queste condizioni, la scommessa di un solo anno con Drogba andrebbe fatta, a questo punto. Che col ritorno alla base di Gabbiadini e l’acquisto di un attaccante esterno (buono per il 4-3-3) completerebbe le operazioni di mercato in avanti.

Drogba o non Drogba?

Advertisment

Lucio alla Juve? Almeno Cannavaro lo avevamo pagato

E’ una di quelle cose che ti fanno capire perché il tifoso juventino ha goduto come poche volte nella vita: Carini, un secondo portiere, scambiato con Fabio Cannavaro, poi diventato campione del mondo e Pallone d’Oro. Almeno Cannavaro lo avevamo pagato!!!

Advertisment

E ora la storia si ripete con Lucio. Il difensore brasiliano ci sta pensando, ma il finale dovrebbe essere scontato. Perché le alternative non sono parimenti importanti e stimolanti come l’avventura bianconera: il Malaga offre tanti soldi, ma zero prospettive; il Fenerbache un campionato davvero inferiore a quello nostro.

Proviamo a ricostruire una storia mal raccontata, perché credere che la Juve sappia della risoluzione di Lucio soltanto ieri sera è una bugia bella e buona. Marotta e Paratici hanno lavorato sotto traccia, facendosi vedere addirittura a Varsavia (per visionare chi? Hummels?) e avanzando un mezzo discorso per Bruno Alves (che costava o il cartellino di Pepe o 6/8 milioni di euro). Lucio invece arriva gratis, dopo che il Fenerbache lo stava per ufficializzare. Cosa ha fatto saltare quella trattativa? Ufficialmente l’affare è saltato perché l’Inter aveva problemi a riconoscere una buonuscita al giocatore. Una differenza di poche centinaia di migliaia di euro. Mentre adesso Lucio ha risolto consensualmente il suo rapporto con Moratti chiedendo zero euro. Così l’Inter lo ha accontentato, senza mettere una clausola particolare, senza chiedere nemmeno le intenzioni.

Advertisment

E’ probabile che Marotta si sia mosso qualche giorno fa, ed è probabile che ci sia proprio Marotta dietro alla trattativa saltata coi turchi. Biennale a 2 milioni di euro, in un reparto che vanta già Bonucci, Chiellini e Barzagli, in un anno molto particolare. Ci sarà spazio per Lucio, se accetterà l’offerta della Juve, e ci sarà proprio bisogno della sua esperienza in campo internazionale o in Serie A quando qualcuno là in mezzo dovrà tirare il fiato.

Lucio alla Juve a costo zero significa risparmiare un po’ di soldi ora destinati alla fascia sinistra (Kolarov?) e al famoso top player. In un secondo tempo proveremo a capirne di più sulla vicenda Dzeko.

Nel nostro modo di pensare questa operazione assomiglia a quella che portò Vierchwood a Torino nel 1995. Stessa età, 34 anni, stesso tipo di esperienza… gradiremmo uno stesso finale di stagione.

Advertisment