Menu Chiudi

Tag: zavaglia

Rivelazione shock su Neymar e la Juve: chi valuta cosa?

Una rivelazione che, in questo preciso periodo storico, farà arrabbiare parecchie persone. E magari qualcuno tornerà a rimpiangere gente che fu, direttori che furono.

Advertisment

Franco Zavaglia, potente agente di calciatori, sulle pagine di Tuttosport spara una clamorosa rivelazione:

Sono andato a Torino per prendere l’incarico e stabilire una strategia di massima con i dirigenti della Juventus, poi sono subito partito per San Paolo con il mandato nella borsa. Non ricordo se la Juventus aveva già scelto l’allenatore, che poi diventò Conte, ma avevano le idee chiarissime su Neymar.

Talmente chiare che Neymar ha firmato per il Barca qualche giorno fa. La domanda è la seguente, muovendoci nell’ipotesi che Zavaglia dica la verità: chi scelse di non prendere Neymar? Quale fantomatico espertone di calcio disse di no a Neymar, ragazzo per cui si parla di un futuro radioso ormai da diversi anni?

Advertisment

Lontani i tempi in cui un ragazzo coi capelli lunghi e ricci venne individuato come possibile campione e portato da Padova a Torino senza alcuna esitazione, con tanto di mandato di fargli rilevare la pesante numero 10 della Juve. Lontani i tempi in cui la Juve, reduce da due clamorosi e devastanti secondi posti targati Ancelotti, decideva di investire forte per tornare subito a dominare, e così fu. Senza investimenti forti non sarebbe mai accaduto. Perché in fondo la storia è segnata dai Platini e Del Piero, dai Trezeguet e Nedved, con tutto il rispetto di chi ha permesso a questi signori di esprimersi a quei mostruosi livelli.

Dicono che questo è il periodo dell’equilibrio. Della serenità finanziaria, delle scelte oculate, del temporeggiare per capire quale sia la soluzione migliore, e poi la soluzione migliore sparisce. Dicono, ma in fondo non ci credono nemmeno loro.

Dopo gli ultimi due anni firmati Antonio Conte, questo sarebbe il miglior momento per puntare forte. Per scegliere giocatori pesanti da innestare in uno zoccolo durissimo e garantire l’aumento del famoso gap con le avversarie. In Italia certamente, mentre in Europa si tratterebbe di accorciarlo il – stavolta – famigerato gap con le big europee.

Ma – dicono, anche se non ci credono – questi sono tempi duri. Eppure Ogbonna arriverà per circa 15 milioni di euro (fra cash e contropartita). Speriamo almeno che sul ragazzo azzurro quelle stesse persone abbiano le idee chiarissime.

Advertisment

Assolti i Moggi da associazione a delinquere: sempre più Farsopoli

Nel silenzio più totale delle TV e dei giornali i Moggi segnano una nuova assoluzione. Riguarda il Processo Gea World e riguarda la famigerata quanto assurda “associazione a delinquere” mai provata in nessun processo. In realtà un’associazione a delinquere esisteva, ma coi colori rossonerazzurri che però in Italia non possono essere toccati.

Advertisment

Con i Moggi pure Zavaglia viene assolto. Resta tuttavia in piedi l’accusa di violenza privata: non vi descriviamo nemmeno il caso per il senso di dignità che pervade la nostra redazione. Vi basti sapere che tale violenza riguarda un paio di trattative portate avanti da Alessandro Moggi su Blasi, Zeytulaev e Boudianski.

Advertisment

Eppure su queste false accuse si basò Farsopoli. Solo che oggi nessuno punta più il riflettore su questa storia. La distruzione sistematica del castello accusatorio non lo racconta mai nessuno e così sembra passare la tesi che la Juve fu veramente colpevole. Di cosa non si sa, a meno di considerare la vittoria sul campo una sorta di colpa!

Dulcis in fundo… facciamo gli auguri ad Alessandro Moggi che in questi giorni ha (ri)dato vita alla Gea World. Come dire: quello che serviva fare è stato fatto, ora alcune tessere ritornano in gioco come se nulla fosse accaduto. Di fatto ci sono solo due persone che non sono più ritornate al loro posto: volete che faccia i nomi?

Advertisment

Zavaglia spedisce Aquilani a Torino: “La Juve lo riscatterà”

Franco Zavaglia ha rilasciato importanti parole alla stampa riguardo un suo assistito. Si tratta di Albero Aquilani, centrocampista del Liverpool e in forza, quest’anno, alla Juventus.

Advertisment

I bianconeri lo avevano preso in prestito secco con un’opzione per il riscatto fissato a 16 milioni di euro. Marotta reputa la cifra troppo alta, e pare che a un prezzo ben più inferiore l’affare si potrà concludere. Ad Antonio Conte non dispiacciono i centrocampisti di qualità e, nonostante la Juve sia vicinissima a Inler (in realtà ha chiuso proprio ieri notte), Aquilanipotrebbe rientrare in una sorta di valzer delle coppie: Pirlo-Inler, Aquilani-Marchisio.

Advertisment

L’iniziale offerta di Marotta si aggirava intorno ai 10 milioni di euro e sembra che il Liverpool alla fine accetterà. A quella cifra si chiude e la Juve potrebbe a quel punto cedere in blocco Felipe Melo e Sissoko (che non rientrano nei piani di Conte), potendo poi sfruttare numerose soluzioni: dal 4-3-3 a un 4-2-4 a un 4-4-2!

I prossimi giorni saranno decisivi!

Advertisment