Menu Chiudi

Il punto sul top player: nomi e cifre della Juve

Marotta sta lavorando piuttosto bene nel campo degli acquisti. La squadra è stata ulteriormente rinforzata, ma per l’arrivo più importante, e cioè il tanto sospirato top player, occorre sfoltire la rosa e racimolare un tesoretto.

Advertisment

La situazione riguarda il top player è piuttosto semplice: arriverà coi soldi della Famiglia (consideratelo una sorta di regalo della Proprietà per i risultati raggiunti), ma arriverà solo se verrà realmente individuato. E comunque l’ingaggio è un parametro decisivo per il tesseramento. Detto in altro modo: il cartellino verrà pagato, anche se salato, ma l’ingaggio deve rientrare nei limiti della società. Ciò significa, al massimo, un ingaggio pari a quello di Gigi Buffon: 5,5 milioni di euro.

Il messaggio è chiarissimo: chi vuole la Juve deve dimostrare di volerla davvero, ingaggio a parte. Non si sforerà e, nonostante sono rimasto scottato dalla vicenda Aguero, tendo a sottoscrivere questa regola della Società. 5,5 milioni di euro non sono briciole, chi vuole la Juve rinunci agli ingaggi faraonici.

Advertisment

Van Persie attende perciò la prima vera offerta. Fosse reale quel misterioso viaggio a Torino avremmo un motivo valido per sostenere che è lui il primo nome sul taccuino di Marotta, ma va convinto l’Arsenal. Bottega molto pregiata quella londinese, con un Wegner molto nervoso per dover rinunciare ai campioncini che lui stesso alleva in Inghilterra. A favore di Marotta un contratto in scadenza nel 2013 e quindi, de facto, l’impossibilità per l’Arsenal di sparare cifre impossibili. Il giocatore, quasi 30enne e in scadenza, non può essere pagato più di 20 milioni di euro. Lo sa Marotta, lo sa in fondo Wegner che spera di aprire un’asta. Asta che al momento è scongiurata: il Barcelona non è interessata, nemmeno Mourinho, il PSG non gode della preferenza del ragazzo. Resta il Manchester City che per il padre rappresenta un’accozzaglia di figurine. A favore di Marotta l’acquisto di Giroud e praticamente quello di Podolski: come a dire che Van Persie è già stato sostituito.

Se non Van Persie ecco Suarez, a detta di Luciano Moggi il giocatore ideale per gli schemi di Conte. Capace di garantire movimento e gol, per più anni rispetto all’olandese che è più vecchio di 5 anni. Suarez costa sui 25 milioni di euro e il Liverpool non sembra averlo dichiarato incedibile. Di più, il Liverpool è alla ricerca di un attaccante e sembra proprio dover monetizzare. La Juve vorrebbe giocarsi la carta Krasic, perfetto sostituto di Kuyt che dopo anni ha lasciato l’Inghilterra.

Più indietro, per costi e opportunità, i nomi di Cavani e Higuain.

Non tramonta l’ipotesi di dover abbandonare la pista del top player costoso per preferire soluzioni in stile Vucinic: 15 milioni di euro per 10 reti in Serie A, 1 in Coppa Italia (quella col Milan, stupenda) e ben 9 assist (un paio in meno di Andrea Pirlo).

Advertisment