Ho lanciato una provocazione enorme ieri, per lo più frutto di fantasia e tanta nostalgia. Eppure ci sono tanti segnali che riportano al passato. O se volete, che portano il passato in questo presente. Dopo Romy Gai, uomo marketing della Juve della Triade e uomo di fiducia di Giraudo, un altro tassello di quella squadra bianconera torna al proprio posto. Si tratta di Fabrizio Tencone, già medico sociale della Juve negli anni più belli e cioè dal 1995 al 2002. Un ritorno importante, un segnale importante.

Advertisment

Advertisment

Per vincere serve emulare gestione e idee della Vecchia Juve. Con gli uomini che hanno saputo lavorare bene, duramente, azzeccando quasi la totalità delle mosse. Il deficitario lavoro a tutti i livelli di questi quattro anni hanno numeri e dati inconfutabili: infortuni, gestione medica scadente, scelte azzardate, scommesse tutte perse. Appare altresì difficile che simili scelte siano nate dalla Dirigenza molesta che fin qui ha governato una strana Juve, che Juve di fatto non è mai stata. Che dire, buon lavoro Andrea!

Advertisment