Dice Totti: “Con la Juve di mezzo noi arriveremo sempre secondi”. Purtroppo, ilarità a parte, è una dichiarazione falsa. Falsa come la pulizia di Totti e della Roma. Vediamo perché.

Advertisment

Ripercorriamo gli ultimi anni della Roma in Serie A, mettendo in parallelo gli anni bianconeri.

Anno di grazia 2013/2014. Conte vince il campionato con 102 punti, mentre Garcia scrive il record di tutti i tempi in Serie A fermandosi a quota 85. 17 punti di ritardo. Roma seconda in classifica.

Anno di grazia 2012/2013. La Juve vince il suo secondo scudetto consecutivo con 87 punti. La Roma si ferma a 62 punti, sesta, ed è fuori dalle coppe europee. Ritardo in classifica: -25 punti.

Anno di grazia 2011/2012. Primo scudetto di Conte con 84 punti davanti il Milan di Allegri. La Roma chiude settima con 56 punti. Ritardo di 28 punti.

Advertisment

Anno di grazia 2010/2011. E’ il quarto anno dopo Calciopoli. E’ la Juve di Del Neri che chiude settima a 58 punti. La Roma la precede di appena 5 punti, sesta. La Roma segna dunque un +5 in classifica e può accedere all’Europe League.

Anno di grazia 2009/2010. E’ la disfatta di Jean Claude Blanc. La Juve finisce settima a 55 punti. La Roma è seconda con 80 punti. Vantaggio di 25 punti.

Anno di grazia 2008/2009. Juve seconda a 74 punti, Roma sesta a 63 punti. Ritardo di -11 punti in classifica.

E possiamo scorrere indietro l’almanacco. Troveremo la Roma seconda solo pochissime altre volte, con sole 3 edizioni in cui primeggerà la classifica.

In definitiva, dal 2008 in poi, in 6 campionati, la Juventus è arrivata prima della Roma in 4 occasioni, segnando un complessivo vantaggio di punti di 51 lunghezze.

Caro Totti: che eri piangina lo sapevamo da un pezzo; che eri falso lo abbiamo riscoperto adesso!

Advertisment