Menu Chiudi

Udinese in testa, il Milan frena nonostante gli aiuti

La cosa più divertente della domenica pomeriggio è la protesta di Seedorf a fine partita. Proprio lui che a fine primo tempo si è divertito a giocare a pallamano nella propria area e Rocchi… muto! Ma è la protesta a non avere senso. Protesta per cosa? Per aver negato due rigori al Bologna? Per averne concesso uno a Ibra su cui ci sarà da indagare con la lente di ingrandimento, oltre che l’azione è viziata da posizione di ultrafuorigioco di Pato?

Advertisment

Nel primo tempo Seedorf volontariamente, su cross bolognese, allarga il braccio e devia la palla. Rocchi fa finta di nulla: ordini superiori? Il pubblico protesta ancora di più nel secondo tempo quando Yepes addirittura si infortuna: col suo piede destro tocca il sinistro di Ramirez pronto al tiro a quattro metri da Amelia: anche qui nulla. Poi un contatto da rivedere (su tre immagini di MediasetPremium sembra che il contatto sia estremamente lieve) su Ibra scatena il pubblico. La prestazione del Bologna restituisce merito alla vittoria sofferta della Juve 2 giovedì in Coppa Italia.

Intanto l’Udinese va in testa. Un punto di vantaggio sui bianconeri di Torino che però devono ancora giocare. Domani sera contro la Roma, come abbiamo avuto modo di presentare questa mattina. Un grande Di Natale che segna di testa e lancia la propria squadra.

Advertisment

Sale la Lazio: un superKlose nasconde una prestazioni mediocre dei biancocelesti, ma i grandi giocatori servono proprio a questo.

Stasera il Napoli.

E chissà se quel milanista avrà ancora modo di dire che gli arbitri quest’anno favoriscono la Juve. C’è un limite a tutto. Pure all’idiozia, soprattutto se messa di fronte a immagini molto chiare.

Advertisment