Menu Chiudi

Un Del Neri sereno in vista del derby d’Italia

Stasera andrà in onda il Derby d’Italia: la squadra che non è mai andata in B contro quella organizzatrice del Nuovo Torneo Aziendale!

Advertisment

In conferenza stampa si è presentato sabato pomeriggio un Del Neri sereno e tranquillo, conscio di quelle che sono le capacità e i limiti di una Juve che sta ritrovandosi piano piano e insieme sta ritrovando gli uomini che servono al progetto del tecnico friulano.

Ad esclusione di Quagliarella e dell’assente di lungo corso Paolo De Ceglie, Del Neri ha potuto riempire tutte le caselle delle convocazioni per la prima volta in questo anno. Recuperati Iaquinta (che avrà forse appena 45 minuti nelle gambe) e Marchisio (debilitato dall’infortunio rimediato contro il Cagliari) e Pepe (la cui condizione è sconosciuta ai più). Tutti convocati, con 4 attaccanti a disposizione. Ne partiranno titolari soltanto due però e i favoriti sembrano essere Toni e Matri. Le caratteristiche dei due si combinano bene col gioco arioso di Del Neri. Tocca ad Aquilani e Felipe Melo incendiare le fasce di Marchisio e Krasic per servire tanti palloni in mezzo.

Advertisment

Nel reparto arretrato il nuovo schema prevede la soluzione dei 4 centrali: 1,89 centimetri di media, tanti chilogrammi, ma scarsa propensione a offendere, funzione delegata ai soli centrocampisti. Maicon se la vedrà con Giorgione Chiellini cui il tecnico chiede pazienza e un sacrificio per tornare su una fascia poco amata dal Prossimo Capitano Bianconero. Mentre a destra il vuoto enorme sarà colmato dal diciottenne danesino Sorensen. Quale migliore occasione per saggiarne, ancora una volta, le qualità difensive contro un avversario che, sulla carta, parte avvantaggiato e cioè Eto’o.

A differenza di tutte le altre settimane, sebbene questa sfida non arriva in un periodo brillante per i bianconeri, al contrario degli Indossatori di Scudetti Altrui, il viso di Del Neri ha mostrato un certo ottimismo. Che potrebbe anche non essere sinonimo di risultato in funzione dei punti in classifica, piuttosto di un atteggiamento e di una condizione psico-fisica oggettivamente in miglioramente almeno da Palermo in poi.

Ci sarà da valutare la nuova coppia d’attacco Toni-Matri. E ci sarà da capire quale sarà il ruolo di Alex Del Piero in questo match: è destinato a entrare nel secondo tempo come a Cagliari e vedremo se anche qui Del Neri avrà ragione.

L’unico dubbio rimane l’arbitraggio.

Advertisment