Menu Chiudi

Vincere per convincere?

Gambe molli, un po’ di partite completamente sbagliate, un po’ di partite che hanno lasciato più di un dubbio su questa Juve. Non nascondiamoci: nel 2013 la Juve non è stata la stessa del 2012. Le cause sono diverse, compresa una nuova competizione, molto pesante sul piano nervoso, e probabilmente la necessità di rinforzi mai arrivati. Fermo restando che quest’anno è già straordinario.

Advertisment

Io, poi, sono personalmente convinto del fatto che l’assenza di Simone Pepe abbia penalizzato molto il gioco di Conte, ma tant’é.

Oggi ci tocca il Pescara, mercoledì ci tocca il Bayern. Sotto a chi tocca.

Advertisment

Bisogna vincere, per i 3 punti certo, ma soprattutto bisogna vincere e convincere. Solo così la mente umana si convince delle proprie forze, delle proprie potenzialità. E l’ottimismo e la consapevolezza fa da moltiplicatore delle forze a disposizione.

Conte in questo senso è un grande tecnico e su di lui sono concentrate le maggiori speranze. La fossilizzazione sul 3-5-2 non dovrebbe permettere nuove soluzioni tattiche, forse adatte alla Champions,  e allora tutto sta a trovare il giusto set di uomini da mandare in campo. A cominciare da pomeriggio quando inevitabilmente la mente correrà a preservare qualche pedina per mercoledì sera.

Avanti Juve!

Advertisment