Menu & Search

Parma-Juventus 0-1 (quasi) buona la prima

25/08/2019

Volendo cominciare con una battuta, si potrebbe dire che nel primo tempo ha giocato la Juve di Sarri, invece nel secondo tempo è scesa in campo la Juve di Allegri.

La realtà è che si son viste cose molto buone nella prima frazione, almeno fin quando la condizione fisica ha retto.

La prima osservazione da fare è in realtà quella che ha visto l’11 iniziale praticamente fondato sulla vecchia guardia. Il mercato è stato completamente escluso, così come i cambi non hanno portato beneficio.

La seconda osservazione da fare è che Dybala è clamorosamente sul mercato. Non credo a un ritardo di condizione, e non è nemmeno spiegabile l’ingresso di Bernardeschi al posto di Higuain. Massima fiducia in Agnelli, Paratici e Nedved, anche se qualche perplessità la conserviamo. Legittimamente.

Cosa si è visto allora di diverso?

  • Pressione molto alta per recuperare il pallone nella metà campo avversaria, più vicino possibile alla porta;
  • distanze più corti nel trio offensivo, con maggiori scambi e CR7 più vicino e dietro a Higuain per sfruttarne i movimenti;
  • meno cross, più passaggi corti e a frequenza rapida;
  • molti giocatori nella metà campo avversaria.

Questo fino a quando la condizione ha retto. Poi sono tornati vivi i vecchi difetti dell’ultima Juve di Allegri, quasi stanca di giocare, poco propositiva e arrendevole.

E i cambi non hanno aiutato. Il Rabiot di inizio campionato sembrava svanito, quasi intimorito dall’esordio. Bernardeschi non ha inciso. Cuadrado l’unio che si è salvato.

Su tutti, CR7 a parte nonostante l’imprecisione, il recupero fondamentale di Douglas Costa. Negli ultimi 30 metri il brasiliano appare già imprescindibile per la capacità di cambiare ritmo e inventare la giocata.

Buona la prima. O quasi.

P.S.

Difficile non pensare male quando viene analizzato il bulbo in fuorigioco di CR7 e non viene riconosciuta la simulazione Dries Mertens.

Altri articoli

Juventus 2020: operazione salvataggio?

Non si tratta di salvare una stagione, ma di imprimere…

Spogliatoio, prima che tattica

Prima che la tattica e le lezioni alla lavagna, a…

Nuovo anno, nuovo gioco?

Inutile dire il contrario di quanto già ampiamente detto appena…

Commenti a questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi cosa stai cercando e premi “enter”